facebook rss

Crisi Covid, sostegno dal Comune
per il pagamento di affitti e mutui

OSIMO - Il Comune Il Comune destinerà 101.420 euro in parte al potenziamento delle attività socio-educative in orario extracurricolare nei doposcuola dei centri Aquilone, in parte all'erogazione di contributi straordinari per le famiglie in difficoltà nel pagamento di locazioni o rate di prestiti bancari per l'acquisto della prima casa
Print Friendly, PDF & Email

Il vice sindaco di Osimo, Paola Andreoni

 

 

In arrivo ulteriori aiuti alle famiglie osimane per affrontare la difficile situazione causata dall’emergenza sanitaria ed economico sociale derivante dalla pandemia Covid.«Vogliamo essere il più possibile vicino alle persone e questa ennesima iniziativa si aggiunge alle altre numerose iniziative già messe in campo dall’amministrazione comunale fin dallo scorso mese di marzo 2020. – ricorda il vice sindaco Paola Andreoni, con delega ai Servizi sociali – Iniziative che hanno risposto sia ad esigenze economiche con i contributi per buoni spesa, pagamento di utenze, abbattimento tariffario dei servizi a domanda individuali collegati ai servizi scolastici, sostegno al canone di locazione; e hanno risposto anche al rafforzamento dei servizi per l’infanzia e l’adolescenza con contributi alle società sportive per i centri estivi, per la frequenza gratuita dei disabili ai centri estivi, alla riapertura dei servizi diruni come il Centro Fonte Magna, all’aumento con coperuta totale dell’anno scolatico per quanto attiene al servizio di assistenza educativa ai disabili e con relativo aumento di ore. A tutto ciò di aggiungono altre due importanti misure per il sociale: il sostegno all’affitto e al mutuo prima casa per i cittadini osimani (domani uscirà l’ avviso pubblico) ed il sostegno scolastico in orario extracurricolare da svolgere all’interno dei centri Aquilone».

L’avviso per richiedere il contributo sarà pubblicato domani, lunedì 8 marzo. Le risorse arriveranno dal Fondo finalizzato al finanziamento di interventi di sostegno di carattere economico e sociale per un importo complessivo di 101.420,49 euro. «Sarà destinato per 30.426,15 euro, al potenziamento delle attività socio-educative finalizzate al sostegno scolastico in orario extracurricolare da svolgere all’interno dei centri Aquilone e sarà dato direttamente all’Azienda speciale che gestisce il servizio;- spiega la vice sindaco – per 70.994,34 euro, all’erogazione di contributi straordinari comunali per il sostegno al pagamento dell’affitto e del mutuo prima casa a seguito delle difficoltà economiche derivanti dall’emergenza Covid-19 . La graduatoria delle domande pervenute sarà stilata sulla base del valore Isee del nucleo familiare richiedente (dal più piccolo al più grande) a condizione di rispettare i requisiti di ammissibilità e sino ad esaurimento delle risorse disponibili».

Possono fare richiesta i cittadini con Isee 2021 con valore minore o uguale a 30.000 euro; i cittadini con titolarità di contratto di mutuo in corso di validità; i cittadini con titolarità di contratto di locazione.Ma potranno farlo anche i nuclei familiari che si siano trovati in condizione di caduta del reddito per le conseguenze dell’emergenza sanitaria Covid-19 a seguito di una delle seguenti situazioni nel periodo dal 1 marzo 2020 alla data di presentazione della domanda: malattia grave o decesso di un componente del nucleo familiare portatore di reddito; per i lavoratori dipendenti o assimilati (a titolo esemplificativo e non esaustivo); perdita del posto di lavoro; riduzione dell’orario di lavoro; accesso ad ammortizzatori sociali (es. cassa integrazione, ..); mancato rinnovo dei contratti a termine; se liberi professionisti e lavoratori autonomi: cessazione di attività libero professionali; riduzione, in conseguenza della chiusura o della restrizione della propria attività, di almeno il 33% del proprio fatturato medio mensile. Il contributo comunale è un contributo fisso una tantum a nucleo familiare, riconosciuto per il pagamento dell’affitto e delle rate del mutuo prima casa riferite all’anno 2020 pari a: 1.000 euro per nuclei familiari con un Isee inferiore o uguale a 10.000 euro; 800 euro per nuclei familiari con un Isee da 10.000 euro fino a 20.000 euro; 600,00 per nuclei familiari con un Isee da 20.000 fino a 30.000 euro.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page



X