facebook rss

«Acquisto dei crediti di imposta
a sostegno delle aziende»

OSIMO - E' la proposta della consigliera comunale Caterina Donia (M5S) che suggerisce al Comune di adottare misure a supporto delle categorie produttive trasformando velocemente in liquidità le agevolazioni Covid-19 e senza i costi che applicano le banche
Print Friendly, PDF & Email

il consigliere comunale Caterina Donia

 

 

La consigliera Caterina Donia invita l’amministrazione comunale di Osimo a dare la possibilità di un supporto finanziario ad imprese, commercianti, agricoltori, artigiani, professionisti, in sintesi, a tutte le categorie produttive osimane, «attraverso l’acquisto di crediti di imposta e detrazioni di imposta in base a quanto previsto dall’interpello e della risposta dell’Agenzia delle Entrate n. 420/2020 e compatibilmente con la normativa in materia e di contabilità e bilancio dell’Ente comunale» suggerisce. Per le aziende uno dei principali problemi del credito di imposta è quello della sua trasformazione in pronta liquidità. «Il Comune può dare un grande aiuto a imprese, commercianti ed artigiani per risolvere questo problema e trasformare le agevolazioni fiscali Covid-19 in denaro contante. – spiega la consigliera – L’Ente comunale può adottare misure a supporto delle categorie produttive attraverso l’acquisto dei crediti di imposta, ma anche delle detrazioni d’imposta (Irpef/Ires), al valore nominale, quindi senza i costi che le banche applicano alle imprese. L’Ente potrà facilmente e rapidamente compensare i crediti di imposta acquistati con la compensazione dei suoi debiti previdenziali e tributari verso l’Erario. Solo per fare un esempio, in materia di locazioni commerciali e affitti d’azienda sono stati diversi gli interventi che hanno introdotto tax credit per le imprese che hanno subito danni a causa del Covid-19».

Ma come mettere in pratica il consiglio?«L’Ente comunale può acquistare dalle aziende e al valore nominale, quindi senza costi, i crediti di imposta e le detrazioni di imposta (Irpef/Ires) che le aziende stesse hanno maturato,- aggiunge la Donia – immettendo liquidità nel sistema produttivo; il Comune può altresì recuperare velocemente tali flussi finanziari compensando i crediti acquistati con i propri debiti previdenziali o tributari verso l’Erario. A stabilirlo è stata l’Agenzia delle Entrate con l’interpello e la risposta n. 420/2020: “nel presupposto che i crediti ceduti all’istante dai beneficiari siano effettivamente spettanti [.] l’Ente istante può compensare i crediti di imposta sopra richiamati utilizzando il modello F24 “ordinario”. Gli Enti comunali, quali cessionari, possono quindi portare in compensazione i crediti di imposta comunicati dalle imprese, cedenti, all’Agenzia delle Entrate. L’operazione può avvenire attraverso la “Piattaforma cessione crediti” dell’Agenzia delle Entrate. Con un’operazione di questo tipo il Comune di Osimo potrebbe trasformare velocemente in liquidità le agevolazioni Covid-19 alle categorie produttive e senza i costi che normalmente applicano le banche. Il Movimento 5 Stelle si augura che l’amministrazione voglia cogliere questa opportunità e voglia rilanciare l’economia cittadina senza dover in alcun modo compromettere la liquidità comunale».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page



X