facebook rss

«Sei ubriaco, vai a zig zag»
Scatta la lite sulla Variante:
automobilista in ospedale

FALCONARA - Ad aggredire il 38enne portato a Torrette sarebbe stato il conducente di un mezzo adibito al trasporto organi ma fuori servizio. Sul posto i carabinieri, la vittima si è riservata di sporgere denuncia
Print Friendly, PDF & Email

L’ambulanza ferma sulla Variante

 

Lite sulla Variante, all’altezza della Caffetteria: un automobilista finisce a Torrette dopo il diverbio avuto con il conducente di un mezzo adibito al trasporto organi e sangue ma – al momento della querelle – fuori servizio. Il litigio è divampato ieri sera attorno alle 21 tra un 38enne alla guida di una Bmw e un 49enne al volante del mezzo di soccorso, non facente parte del circuito Anpas. Stando a quanto emerso nel corso degli accertamenti eseguiti dai carabinieri, il 49enne avrebbe costretto l’uomo della Bmw a fermarsi a bordo strada. «Sei ubriaco, vai a zig zag» gli avrebbe detto l’autista dell’automedica. Entrambi, poi, sarebbero scesi dai loro veicoli per iniziare una breve colluttazione, tra insulti, spintoni e minacce. «Io ti faccio perdere il lavoro» avrebbe detto il 38enne, poi soccorso dalla Croce Rossa e finito al pronto soccorso di Torrette per accertamenti. Si è riservato di presentare denuncia contro il 49enne. Entrambi i litiganti erano nei loro mezzi con i rispettivi familiari. A sedare il diverbio, oltre ai carabinieri, ci hanno pensato anche gli automobilisti che si sono trovati a passare lungo la Variante. Stando all’autista dell’automedica, sarebbe stato l’uomo alla guida della Bmw ad aggredirlo dopo un iniziale battibecco: «Vedendo che sbandava, gli ho lampeggiato una prima volta. Poi, quando zigzagando è finito con l’auto quasi nell’altra corsia, ho lampeggiato una seconda volta: aveva rischiato un frontale. Alla fine ha frenato e io l’ho sorpassato». I due si sono fermati a bordo strada. «Sono sceso – continua il conducente dell’automedica – per capire se avesse bisogno di qualcosa, se aveva bisogno di aiuto. Si è irritato e ha iniziato a dirmi ‘Tu non sai con chi hai a che fare’. Mi ha anche tolto le chiavi dal cruscotto del mezzo. Poi ha cercato di picchiarmi, io mi sono solo difeso».

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page



X