facebook rss

Città Santuario, i commercianti
tornano in piazza per protestare

LORETO - Venerdì prossimo la seconda mobilitazione in piazza Giovanni XXIII coordinata con esercenti e artigiani di Assisi, Cascia, Pompei e San Giovanni in Rotondo per reclamare al Governo il diritto a un bonus dedicato alle peculiarità dei centro di luoghi di culto, spesso di piccole dimensioni, che hanno accusato i contraccolpi della pandemia
Print Friendly, PDF & Email

La manifestazione di protesta dei commercianti di Loreto di venerdì scorso in piazza della Madonna

 

 

Dopo la protesta di venerdì scorso, in contemporanea, dei commercianti di Loreto, Assisi e Cascia in piazza della Madonna per chiedere al Governo di prevedere misure di ristoro specifiche per le città santuario d’Italia, al momento presenti in modo marginale nel Decreto Sostegni appena approvato, il 2 aprile si replica con una platea più vasta. Esercenti, associazioni di categoria, insieme con i rappresentanti del Comune, si mobiliteranno stavolta in piazza Giovanni XXIII reclamando il diritto ad un bonus dedicato alle peculiarità delle città centro di luoghi di culto, comuni molto spesso di piccole dimensioni che hanno accusato con particolare durezza i contraccolpi della pandemia. Con Loreto, Assisi e Cascia stavolta parteciperanno alla manifestazione #noidimenticati, in simultanea e collegati in diretta Fb anche i rappresentanti di San Giovanni Rotondo e Pompei per chiedere tutti insieme al Governo un segnale concreto per dare nuova linfa ad un settore in affanno totale.

«Venerdì 2 aprile ore 20 si terrà una nuova questa manifestazione pacifica e nel rispetto delle regole di sicurezza all’insegna dello slogan #noidimenticati. – scrivono commercianti e artigiani del comitato Cal di Loreto – Vogliamo mostrare alle istituzioni la nostra condizione di estrema difficoltà, ma anche la volontà di non mollare. La pandemia ha completamente azzerato il turismo, e le città che basavano la loro economia prevalentemente su questo settore sono allo stremo. I ristori previsti per queste realtà sono del tutto insufficienti. Per questo, per la prima volta, gli imprenditori di cinque Città Santuario italiane di estrema importanza scenderanno in piazza, in contemporanea, per lanciare l’appello al governo e ai parlamentari delle proprie regioni di creare le condizioni perché gli aiuti arrivino davvero. Venerdì 02 aprile ore 20 piazza Giovanni XXIII manifestazione in diretta con Assisi, Cascia, Oompei, San Giovanni Rotondo. sarà presente il Consiglio comunale» Ai partecipanti è stato chiesto di portare un cerone« come simbolo della città che non si arrende a diventare una buia scatola vuota». (Info ai seguenti recapiti: 338 3776999; +39 392 1097040; 388 4764925 o sulla pagina Facebook CAL).

Città santuario, il Governo cancella bonus: la protesta dei commercianti nelle piazze di Loreto, Assisi e Cascia

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page



X