facebook rss

Crociere Msc, salvo lo scalo di Ancona
Decisiva telefonata con l’autorità portuale

TURISMO - Lo scalo dorico è pronto ad accogliere gli attracchi delle navi per i prossimi mesi anche se in condizioni di eccezionalità per la pandemia, dopo la battura d'arresto dell'anno scorso. «E' in via di definizione il calendario delle toccate per l’estate 2021»
Print Friendly, PDF & Email

 

Il porto di Ancona non figura ancora nel calendario degli attracchi della compagnia di navigazione Msc Crociere, programmato fino all’aprile 2022 con tutte le date disponibili per le prenotazioni. Lo scalo dorico è pronto però ad accogliere le navi Msc già per la nuova stagione 2021, nonostante la pandemia e nel rispetto delle misure anti-Covid. Già nel 2020 il turismo croceristico aveva subito una drastica battuta d’arresto con numero del fatturato in flessione.  «L’impegno costante dell’ultimo periodo dell’Autorità di sistema portuale, della Capitaneria di porto di Ancona e della compagnia di navigazione Msc Crociere ha permesso di superare le criticità da affrontare in questo che è un periodo ancora difficile per le conseguenze dell’emergenza sanitaria. – assicura la stessa Autorità portuale in un comunicato – Nella serata di ieri una telefonata fra i massimi vertici del porto e della compagnia ha sbloccato la situazione consentendo di programmare gli attracchi nello scalo dorico per i prossimi mesi anche se in condizioni di eccezionalità. Una notizia che supera e aggiorna le voci di annullamento ad Ancona del calendario crocieristico da parte della compagnia di navigazione». Hanno lavorato in sinergia gli uffici dell’Autorità di sistema portuale, della Capitaneria di porto dorica e di Msc per organizzare in totale sicurezza e nel massimo rispetto delle indicazioni Covid, l’accoglienza dei crocieristi che, navigando nel mare Adriatico, verranno a visitare Ancona e le Marche. Il calendario delle toccate è quindi in via di definizione in base alla programmazione di Msc Crociere che, come ribadito, ritiene Ancona una tappa sempre importante nella sua strategia complessiva per la bellezza dei territori e per la qualità nell’accoglienza del porto dorico.

«E’ la notizia che aspettavamo – dice il presidente in proroga dell’Autorità di sistema, Rodolfo Giampieri -, dopo aver dovuto rinunciare alla stagione crocieristica dello scorso anno per lo stop mondiale alle navi da crociera, dovuto alle gravi conseguenze dell’emergenza sanitaria, adesso siamo pronti a cogliere i primi segnali di rinascita per il traffico crocieristico nel porto di Ancona e di conseguenza per tutto il turismo delle Marche. Un primo risultato raggiunto con costanza e visione e creato da una fortissima e consolidata collaborazione per il quale ringrazio tutte le persone che hanno lavorato a questo fondamentale ritorno. Ancona dimostra sempre il suo lato migliore nell’affrontare i problemi complessi». Sulla stagione crocieristica il comandante della Capitaneria di porto di Ancona, ammiraglio Enrico Moretti aggiunge che «la gestione degli ormeggi alle banchine da parte di tutte le tipologie di navi che scalano Ancona è sempre stata condivisa con l’Autorità di sistema portuale, in una necessaria logica di condivisione delle scelte che è la sintesi delle diverse ma convergenti attribuzioni. Ciò, nella fattispecie riferita alle navi da crociera, ha portato ad individuare la concreta possibilità di utilizzare le banchine 19, 20 e 21 del porto, vale a dire quelle dietro le quali insistevano i silos demoliti di recente, anche per navi di lunghezza fino a 300 metri a determinate condizioni. Che ciò sia attuabile nella massima sicurezza lo dimostra l’ormeggio avvenuto presso quelle banchine nel 2020 da parte della nave Costa Magica, la cui dimensione longitudinale (272 metri) ha impegnato solo parte della lunghezza complessiva disponibile, pari a 420 metri». L’ammiraglio Moretti sottolinea, inoltre, che «come Capitaneria di porto siamo già al lavoro per individuare, insieme all’Adsp e agli altri soggetti pubblici competenti, tutte le procedure di security portuale conseguenti al possibile attracco di quella tipologia di vettore a queste banchine».

L’impatto Covid-19 sul porto: in picchiata il traffico passeggeri Calo anche nel settore merci

Porto, slitta a maggio l’avvio della stagione crocieristica

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page



X