facebook rss

Rosario per la fine della pandemia,
la Santa Casa aderisce alla maratona
di preghiera di Papa Francesco

LORETO - C'è anche il santuario mariano tra i 30 del mondo coinvolti nell'iniziativa promossa dal Pontificio Consiglio per la Nuova Evangelizzazione. L'appuntamento è per il 9 maggio e si invocherà l'aiuto divino per gli anziani
Print Friendly, PDF & Email

Basilica della Santa Casa (foto Giusy Marinelli)

 

Per desiderio di Papa Francesco, tutto il mese di maggio sarà dedicato a una ‘maratona’ di preghiera per invocare la fine della pandemia, e per la ripresa delle attività sociali e lavorative. Il pontefice ha voluto coinvolgere tutti i Santuari del mondo in questa iniziativa, perché si rendano strumenti per una preghiera di tutta la Chiesa. Tra i 30 santuari che ogni giorno si alterneranno nella preghiera del santo rosario, c’è anche quello della Santa Casa di Loreto. Dopo l’esperienza del 31 maggio dello scorso anno, dove il Santuario della Santa Casa si è unito a Papa Francesco nella recita del Santo Rosario a conclusione del Mese mariano, anche quest’anno ha accolto con gioia la recente iniziativa del Santo Padre, promossa dal Pontificio Consiglio per la Nuova Evangelizzazione che porta il tema “Da tutta la Chiesa saliva necessantemente la preghiera a Dio” (At 12,5)”. La Santa Casa guiderà il S. Rosario domenica 9 maggio alle ore 18 avendo come intenzione di preghiera gli anziani.

Papa Francesco a Loreto con mons. Fabio Dal Cin

«Al Santuario della Santa Casa – afferma in una nota mons. Fabio Dal Cin, arcivescovo delegato pontificio – è stata affidata l’intenzione di preghiera per gli anziani. In questo tempo sono stati i più provati, perché la pandemia ha causato molte morti tra di loro e l’impossibilità degli spostamenti ha provocato un incremento della loro solitudine e dell’isolamento dalle nostre comunità. Il problema della solitudine e dell’isolamento degli anziani esisteva però anche prima del covid. Pregheremo dalla Santa Casa che è anche la Casa di due anziani speciali, Anna e Gioacchino, i genitori di Maria. Genitori e nonni che hanno collaborato al disegno di Dio per la nostra Salvezza. Così anche oggi gli anziani, i nonni, in tanti casi sono gli unici a comunicare la fede ai nipoti e, con la loro testimonianza, aiutano i giovani a dire di Si a Dio. La Santa Casa è la Casa del SI a Dio, all’Amore, alla Vita in tutte le sue stagioni: quando si è giovani, adulti ed anche come anziani e nonni». La preghiera sarà trasmessa in diretta sul portale ufficiale www.vaticannews.va, sui profili social Vaticani (YouTube e Facebook) oltre che sul canale YouTube ufficiale del Santuario “Santa Casa Loreto” e sul sito internet www.santuarioloreto.va.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page



X