facebook rss

NotteNera Junior racconta
come “Fare compagnia”
in tempi di pandemia

SERRA DE' CONTI - Sabato e domenica prossimi il festival ospiterà l’esito dei percorsi con i bambini e i ragazzi della scuole nella scoperta di strumenti creativi speciali come le installazioni di opere o la proiezione dei cortometraggi animati in stop motion
Print Friendly, PDF & Email

 

Torna a Serra de’ Conti NotteNera Junior: dopo un anno nelle scuole, ecco la restituzione del percorso di formazione e creatività. Cinema di animazione, macchine ottiche e speciali disegni alla base di una installazione: questi gli strumenti artistici al centro dei laboratori educativi firmati NotteNera. Sabato 5 e domenica 6 giugno Serra de’ Conti ospiterà l’esito dei percorsi con i bambini e i ragazzi NotteNera sta per partire e, mentre scalda i motori, Serra de’ Conti si prepara ad accogliere incontri, sguardi e attraversamenti: sabato 5 e domenica 6 giugno torna in paese NotteNera Junior, un momento importante dedicato ai piccoli alunni e ai ragazzi degli istituti scolastici di Serra de’ Conti, che, in un anno particolarmente delicato e faticoso, hanno partecipato ad un percorso dinamico e creativo, scoprendo gli strumenti artistici del cinema di animazione, delle macchine ottiche e del disegno che diviene assemblaggio.

«Siamo al decimo anno di NotteNera Junior, il progetto formativo più importante di NotteNera che propone conoscenza, sperimentazione e cultura dei linguaggi contemporanei come strumenti di empowerment di ogni giovane – spiega in una nota la direttrice artistica Sabrina Maggiori -. Di anno in anno questo progetto educativo si sviluppa attorno ad una tematica diversa e, nel contesto della pandemia mondiale, che porta dietro di sé le esperienze di solitudine, di didattica a distanza e di divieti, abbiamo pensato di attivare nei ragazzi un pensiero sul tema del “Fare compagnia”, come forma attiva di presenza ma anche come qualcosa che si riceve e in cui ci si lascia cullare». Roberto Paganelli, Beatrice Pucci, Ruggero Asnago, Luca Paccusse, Matteo Giacchella: sono questi i nomi degli artisti ed educatori che hanno affiancato quasi 400 tra bambini e ragazzi delle scuole di Serra de’ Conti nella scoperta di strumenti creativi speciali. Sabato 5 giugno, dalle ore 21, nel Loggiato del Chiostro San Francesco, sarà inaugurata, alla presenza dell’artista e maestro di marionette da parata nonché esperto nel riutilizzo di materiali di recupero, Ruggero Asnago (Milano), l’installazione Fantastico Stormo! Fare compagnia al Vento, esito del laboratorio svolto durante l’anno 2020-2021 da 133 ragazzi della Scuola Secondaria di Primo grado C. Cagli. Il lavoro rimarrà a disposizione di turisti, curiosi e passanti per tutta l’estate.

DIALOGHI CON IL PAESAGGIO – Alla scoperta di nuovi immaginari, è l’invito che i bimbi della Scuola dell’Infanzia Il Girotondo rivolgono alla comunità sabato 5 e domenica 6, sempre a partire dalle 21. Saranno esposti materiali e lavori legati a camere oscure e lanterne magiche, strumenti con cui più di ottanta piccoli alunni, sotto la guida di Beatrice Pucci (Modena) e di tutte le maestre, hanno ricercato elementi nel paesaggio e hanno scoperto e creato storie. Creature aeree, forme sensibili al vento ma anche macchine ottiche di lettura del paesaggio, accompagneranno, dalle 21:15 di sabato 5 e dalle 21 di domenica 6, fino alle 23, la restituzione video dei disegni che tutti i 183 alunni della Scuola Primaria G. Leopardi hanno realizzato sul tema “Fare compagnia al paesaggio” e la proiezione dei cortometraggi animati, esito dei percorsi formativi avvenuti con le classi quarte della stessa scuola e, per la prima volta in tanti anni di NotteNera, con il Cag di Trecastelli. I bambini sono infatti stati impegnati in TAC! – Tenerezze Animate Creative, un percorso formativo teorico-pratico sul cinema di animazione in stop motion, guidato da Roberto Paganelli (Bologna), Luca Paccusse (Jesi) e Matteo Giacchella (Ancona): una tecnica già molto apprezzata a livello internazionale e ancora poco conosciuta in Italia. Il progetto formativo è stato realizzato grazie al sostegno del bando “Cultura in Rete” della Fondazione Cariverona ed è stato curato dall’associazione Pepe Lab, in collaborazione con OttOmani.

«In un anno così strano e particolare abbiamo pensato di non farcela ma, contro ogni tendenza e paura, abbiamo rilanciato e accolto nella squadra NotteNera nuove giovani figure, indispensabili per il Festival, oltre ad aver instaurato delle collaborazione oltre le mura di Serra de’ Conti, ad esempio con il Cag di Trecastelli – spiega Sabrina Maggiori -. Abbiamo fatto un lavoro enorme, e questo anche grazie alle scuole, alle maestre e ai bambini che nonostante le note difficoltà hanno abbracciato il progetto». NotteNera Junior è un’azione formativa sostenuta dall’Assessorato alla Cultura, al Turismo e ai Beni Comuni di Serra de’ Conti, da Ato8 e da Le Terre della Marca Senone e dalla Fondazione Cariverona, in collaborazione con l’Istituto Comprensivo Arcevia Serra de’ Conti Montecarotto, l’associazione Pepe Lab, la Cooperativa sociale H Muta, C.A.G. di Trecastelli, l’associazione OttOmani, e la Libreria Gira & Volta di Jesi. In caso di maltempo il programma potrebbe subire alcune variazioni che verranno prontamente comunicate sulla pagina facebook di NotteNera.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page



X