facebook rss

La grande truffa: vende la bici online
ma versa 1000 euro ai falsi acquirenti

FABRIANO - Dopo la querela sporta in caserma dal fabrianese, raggirato e confuso mentre era al telefono con i potenziali clienti, i carabinieri sono riusciti a identificare e denunciare per furto aggravato in concorso un 50enne e un 30enne, entrambi residenti nel nord Italia
Print Friendly, PDF & Email

 

Mette in vendita una bicicletta sul web convinto di poter fare un affare ma resta invece vittima di truffa. Un cinquantenne fabrianese è stato raggirato da due uomini che l’inganno sono riusciti a farsi versare su un loro conto corrente ben mille euro dallo stesso venditore della bici. A identificarli e a denunciarli per furto aggravato in concorso ci hanno però pensato i carabinieri della Stazione di Fabriano. comandati dal capitano Mirco Marcucci, dopo la querela formalizzata dall’uomo di mezza età. I presunti autori della truffa sarebbero un 50enne nato in Bangladesh e un 30enne della Romania, entrambi residenti nel nord Italia. Il fatto è accaduto diverse settimane fa. Il fabrianese ha messo in vendita, online, una bicicletta. Dopo alcuni giorni si fa vivo un possibile acquirente. Nasce una trattativa, al termine del quale il fabrianese si dirige allo sportello bancomat mentre al telefono cellulare c’era l’acquirente che avrebbe dovuto effettuare un pagamento per concludere l’affare e poter ritirare la bicicletta. In un attimo, invece, ben mille euro sono stati versati dal fabrianese in un altro conto corrente seguendo le istruzioni che l’altro suggeriva nel corso della conversazione telefonica e  invece di incassare per la bici messa in vendita, ha perso mille euro. Della persona al cellullare, poco dopo, si sono perse le tracce. Il fabrianese ha sporto denuncia presso la caserma dei Carabinieri. I militari, dopo lunghe indagini anche attraverso i tabulati telefonici, sono riusciti a identificare e denunciare gli autori della truffa. Le forze dell’ordine raccomandano la massima prudenza quando si compra qualcosa online.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page



X