facebook rss

Autocarro rubato nell’area industriale:
tenta la fuga ma viene arrestato

CASTELFIDARDO - Il 50enne, indagato per furto e tentato furto aggravato, è ristretto nel carcere di Montacuto. I carabinieri del Norm lo hanno sorpreso ieri notte a scappare a bordo di una utilitaria. Poco prima avevano scoperto che era stato asportato un Fiat Ducato dal piazzale di un capannone, e tagli alla rete perimetrale con forzatura delle porte d’ingresso di due aziende della zona
Print Friendly, PDF & Email

(foto d’archivio)

 

Sorpreso a rubare un mezzo sul piazzale di alcuni capannoni della zona industriale di Castelfidardo: dopo un inseguimento viene arrestato dai Carabinieri del Nucleo Operativo e Radiomobile della Compagnia di Osimo. I militari hanno tratto in arresto un 50enne, originario della provincia di Foggia, ritenuto responsabile di furto e tentato furto aggravato. Verso le ore 2 di ieri, 9 settembre, una pattuglia del Norm che transitava nella zona industriale di Castelfidardo, a seguito di una segnalazione ricevuta al numero di emergenza 112 relativa un tentativo di furto ai danni di una ditta, ha notato un uomo scappare frettolosamente a piedi verso il Klass Hotel che si affaccia sulla Statale 16. Giunto al parcheggio, il fuggiasco si metteva alla guida di una Citroen C4. Alla vista della pattuglia dei carabinieri, ha accelerato la marcia con direzione statale Adriatica, e dopo un breve inseguimento, i militari sono riusciti a bloccare l’utilitaria. Nella immediatezza delle indagini, i militari hanno accertato che nella zona era stato asportato un autocarro Fiat Ducato e posizionato nel piazzale antistante ad un capannone, nonché il taglio della rete perimetrale e la forzatura di porte d’ingresso per accedere all’interno di due aziende del posto.

Accertata la responsabilità in capo all’indagato, i Carabinieri lo hanno dichiarato in stato di arresto, e su disposizione dell’autorità giudiziaria, lo hanno accompagnato nel carcere di Ancona a Montacuto. L’autocarro è stato invece restituito al legittimo proprietario. Quest’ultimo arresto della Compagnia Carabinieri di Osimo, comandata dal maggiore Luigi Ciccarelli, si inserisce nell’ambito del prosieguo dei servizi di contrasto ai reati predatori, come noto, difficili da perseguire e che provocano grande allarme sociale. La Compagnia di Osimo, in piena condivisione con le direttive del Comando Provinciale di Ancona, continua ad imprimere un forte impulso all’attività preventiva e, quindi, al controllo del territorio.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page



X