facebook rss

Ricatto a luci rosse:
pubblica annunci a pagamento
con il numero dell’ex moglie

FALCONARA - La donna aveva iniziato a ricevere ad ogni ora del giorno e della notte telefonate con richieste di prestazioni sessuali o messaggi a sfondo erotico scoprendo poi che il suo numero era finito nei siti web. A svolgere le indagini e denunciare l'uomo sono stati i carabinieri
Print Friendly, PDF & Email

I carabinieri della Tenenza di Falconara (Archivio)

Da alcuni giorni il cellulare le squillava di continuo. Dall’altro capo, persone che le chiedevano appuntamenti a luci rosse a pagamento o che le scrivevano messaggi dai contenuti erotici. A contattarla, uomini dell’hinterland umbro-marchigiano.
La donna però, una 40enne falconarese era esasperata e non capiva il perché di tutto ciò. Per questo motivo ha deciso di rivolgersi ai carabinieri della Tenenza di Falconara per denunciare il fatto.
L’indagine dell’Arma è partita nel mese di agosto, quando la donna si era vista costretta a cambiare numero di telefono proprio a causa delle innumerevoli richieste che le giungevano ad ogni ora del giorno e della notte.
Prima di rivolgersi ai carabinieri, aveva però scoperto la presenza del proprio numero di cellulare all’interno di numerosi siti di annunci per incontri a sfondo sessuale corredati con foto di donne completamente nude e in atteggiamenti provocanti.
Subito ha provato a contattare gli amministratori dei vari siti web per richiedere l’immediata cancellazione degli annunci ma ormai, il numero era finito nel vortice della rete ed era diventato in pratica di dominio pubblico.
I carabinieri hanno quindi avviato una serie di accertamenti informatici attraverso i quali si è potuto risalire all’identità dell’ignoto “inserzionista” che altri non era che l’ex marito 42enne della donna con il quale aveva risieduto per alcuni anni fuori regione.
Sebbene la separazione tra i due non fosse stata particolarmente litigiosa l’uomo, forse a seguito del fatto che l’ex nel frattempo aveva un nuovo compagno, aveva deciso di attuare questo subdolo stratagemma che gli è però costato denunce con le accuse dei reati di: sostituzione di persona, molestie e trattamento illecito di dati personali.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page



X