facebook rss

Dieci colpi in due mesi:
nel mirino bar e ristoranti,
arrestata coppia di fidanzati

ANCONA - Entrambi 25enni, lei dominicana e lui rumeno, sono accusati di aver depredato esercizi commerciali tra giugno e settembre. Nel bottino soldi, tablet e cellulari. Dopo le indagini della Squadra Mobile, i ladri sono finiti in carcere
Print Friendly, PDF & Email

Dieci colpi in due mesi. Nel bottino soldi, cellulari, tablet e buoni pasto di ristoranti, supermercati e bar. E’ finita in carcere la coppia di ladri accusata di aver messo nel mirino, tra giugno e settembre, una serie di esercizi commerciali di Ancona. Lei, 25enne dominicana, è finita nel carcere di Pesaro. Lui, rumeno 25enne, è stato trasferito a Montacuto. Le indagini sono state condotte dalla Squadra mobile della questura, coadiuvate dai colleghi della Scientifica e dalle Volanti. Ad aiutare gli investigatori, un tatuaggio sulla mano del 25enne: un segno distintivo che avrebbero notato le telecamere delle città e alcuni testimoni. Stando a quanto rilevato il modus operandi della coppia era sempre lo stesso: aspettare il buio e poi colpire l’attività, passando da finestre o porte di servizio, talvolta manomesse con cacciaviti o altri strumenti da scasso. Nello specifico, si tratta di otto furti in concorso e di due rapine improprie. Queste ultime due risalgono a giugno, mentre la coppia stava tentando di rubare in un alimentari del Piano e in un fast food delle Tavernelle. Nella prima occasione, c’era stata una colluttazione con il gestore dell’attività, nella seconda aveva tentato di fermare il furto il negoziante limitrofo al fast food, chiuso in quel momento. In successione, poi, ci sono furti a bar, ristoranti, altri minimarket e ulteriori negozi che vendono kebab.  Tutti colpi eseguiti in notturna. Nel bottino sarebbero finiti sempre i soldi dell’incasso, cellulari, tablet, ma anche i buoni pasto dei clienti. Hanno colpito: una pizzeria di via Torresi, un ristorante di corso Mazzini, un bar di via Giordano Bruno, un bar di via Marsala, un kebab di via Marconi, un bar di via del Traffico, un ristorante di via del Gallo e un alimentari del Pinocchio. Impronte papillari degli arrestati sono state trovate in alcune attività vittime di furto.

(fe.ser)

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page



X