facebook rss

Messa in sicurezza del Misa:
partiti lavori per altri 100mila euro

SENIGALLIA - Dureranno tre settimane e si concentreranno su entrambi i lati del fiume nel tratto urbano
Print Friendly, PDF & Email

I lavori di messa in sicurezza dell’area idrogeologica del Misa

 

Sono partiti ieri a Senigallia i lavori di somma urgenza per la messa in sicurezza del fiume Misa, finanziati dalla Regione Marche. «Questi interventi di somma urgenza sono finalizzati alla indifferibile necessità di ridurre i rischi alla popolazione, alle infrastrutture ed ai territori attraverso opere volte ad elevare il grado di sicurezza del fiume Misa. – spiega una nota del Comune di Senigallia – I lavori dureranno circa 3 settimane e si concentreranno su entrambi i lati del fiume nel tratto urbano».

La somma prevista sarà variabile a seconda delle esigenze ma si tratta di almeno altri 100mila euro oltre a quelli già previsti e comunicati qualche settimana fa. Il responsabile del procedimento, l’ingegnere Vito Macchia seguirà tutte le fasi dei lavori nel territorio. «L’amministrazione comunale – prosegue il comunicato – ringrazia la Regione e l’Assessore Aguzzi che si è dimostrato attento alle richieste del nostro territorio. Il confronto intrattenuto grazie al tavolo permanente tanto voluto dall’Amministrazione Olivetti permette un confronto quotidiano e serrato sul problema della sicurezza del fiume e dei fossi, fondamentale per arrivare poi ai lavori in atto. Segnaliamo che altri lavori partiranno a metà novembre per il tratto di fiume che arriva al Vallone».

Il sindaco e la giunta esprimono pertanto soddisfazione «per questa fattiva collaborazione che è stata messa in campo da parte del nuovo governo regionale, sin dalle prime settimane successive all’insediamento. L’attenzione dimostrata ha portato finalmente a importanti lavori che sono stati realizzati, che sono in corso di realizzazione e che si realizzeranno per la salvaguardia del nostro territorio e per la sicurezza dei cittadini, lavori che erano attesi da oltre 5 anni» chiude il comunicato.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page



X