facebook rss

Si accampa nel cortile di un palazzo:
espulso un clandestino

ANCONA - L'uomo, un cittadino nigeriano, aveva allestito il suo rifugio in un porticato di via Gorizia. E' stato identificato dalla polizia e portato al Centro di Permanenza per il Rimpatrio di Bari
Print Friendly, PDF & Email

foto d’archivio

 

Dorme da sei mesi nel cortile di un palazzo: clandestino espulso. L’uomo è stato fatto sgomberare dalla polizia dopo una serie di richieste pervenute dai residenti di un condominio di via Gorizia. Di origine nigeriana e con precedenti, è stato già accompagnato a Bari, al Centro di Permanenza per il Rimpatrio. Ad intervenire sono state ieri le Volanti, chiamate in causa dell’esposto presentato dai residenti che avevano segnalato  la quotidiana presenza, durante le ore notturne, di un individuo che, con tutte le masserizie al seguito, si accampava sotto il porticato, arrecando disturbo ai condomini. Sulla scorta di tali segnalazioni, le Volantini, nelle prime ore del mattino, si sono dirette in via Gorizia, dove effettivamente hanno riscontrato la presenza dell’uomo, trovato senza documenti e successivamente portato in questura. A seguito degli accertamenti effettuati, il clochard  è risultato essere un cittadino nigeriano con precedenti specifici di polizia, per molestia e disturbo alle persone, lesioni personali, false dichiarazioni sull’identità personale, ingresso e soggiorno illegale nel territorio dello Stato. Era già stato precedentemente destinatario di un ordine di lasciare il territorio emesso dal questore di Ancona, a cui non aveva ottemperato. Alla luce di quanto emerso il cittadino nigeriano è stato denunciato in stato di libertà e messo a disposizione dell’Ufficio Immigrazione. Il questore, Cesare Capocasa, ha disposto l’accompagnamento del nigeriano al C.p.r. di Bari.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page



X