facebook rss

Green Leaves dai fasti all’oblio,
tour nelle sale abbandonate
«Dentro il tempo si è fermato»

PORTO RECANATI - Reportage del team urbex di Ascosi Lasciti alla scoperta di uno dei locali del divertimento più in voga dell'Adriatico fino a circa dieci anni fa. Alessandro Tesei: «E' rarissimo riuscire a trovare in una struttura moderna come le discoteche oggetti dell'epoca e situazioni congelate come quella. È la più bella d’Europa». GUARDA IL VIDEO
Print Friendly, PDF & Email
Il video girato all'interno del Green Leaves da Ascosi Lasciti

 

green-leaves-discoteca-abbandonata-urbex-marche-2-650x433

L’interno della discoteca Green Leaves come si presenta oggi (su concessione del sito Ascosi Lasciti)

 

di Laura Boccanera

Ci sono ancora mezza bottiglia di Jack Daniel’s, i dischi con la musica disco dei primi anni del 2000 e gli inconfondibili divani bianchi. La discoteca Green Leaves riemerge da un passato di polvere e oscurità a quasi 10 anni dalla chiusura grazie al tour del team urbex marchigiano di Ascosi Lasciti. Dopo aver rimesso piede, alcuni anni fa, all’interno dell’ex Babaloo, è ancora una volta il mondo delle discoteche di Porto Recanati a catturare la curiosità degli esploratori urbani.

green-leaves

Foto: Ascosi Lasciti

E se per il Babaloo l’impresa, data la zona isolata, era più facile e agevole, stavolta il gruppo ha dovuto superare “il pattugliamento” di coloro che stazionano nella zona del River village. Chi non ricorda quella scalinata che conduceva nel piano interrato dove una volta intere generazioni dagli anni ’70 hanno conosciuto il mondo della notte e del divertimento. Quella “foglia verde”, divenuta per tutti sinonimo di divertimento oggi giace sotto le macerie di uno stabile in abbandono e in condizioni precarie. Ma fino al 2010 ha continuato fra alti e bassi la propria attività dopo l’Eldorado degli anni ’80 e ’90 quando era una delle disco più esclusive a livello nazionale da cui sono passati personaggi allora in voga. L’esplorazione di Ascosi Lasciti mostra oggi com’è l’edificio: l’umidità ha preso il sopravvento e staccato parte del controsoffitto finito sul pavimento. Al buio gli urbex si spostano fra le famose 3 sale della discoteca, riconoscibilissimi gli arredi, i divani bianchi, la sala dove si faceva musica latino americana, l’angolo del dj con ancora l’apparecchiatura e vecchi vinili. Nelle cucine ci sono ancora materiali di consumo, perfino gli alcolici sono ancora lì. Quello spazio in abbandono non è divenuto neanche luogo o ritrovo di qualche sbandato forse anche a causa delle precarie condizioni.

green-leaves-2-325x236

Foto: Ascosi Lasciti

Nella presentazione del sito Ascosi Lasciti ripercorre le vicende che hanno portato al fallimento della società e all’abbandono e in un video suggestivo mostrano le stanze della discoteca, le vecchie statue ancora erette sul piedistallo, i bicchieri con le consumazioni terminate sui tavoli. Come se un qualche evento avesse cristallizzato quel momento facendo scendere poi l’abbandono. «Noi le chiamiamo le capsule del tempo – dice Alessandro Tesei, fondatore di Ascosi Lasciti – e da questo punto di vista il Green Leaves rappresenta la discoteca abbandonata più bella d’Europa. E’ rarissimo riuscire a trovare in una struttura moderna come le discoteche ancora oggetti dell’epoca e situazioni congelate come quella. Può accadere in alcune dimore o abitazioni, ma quasi mai nelle discoteche e siamo rimasti colpiti e stupefatti anche noi, non ci aspettavamo tanta ricchezza di dettagli. Spesso nelle discoteche ci sono gli spazi lasciati vuoti, qui invece abbiamo ritrovato tutto come se il tempo si fosse fermato. Per questo diciamo che è la più bella come stato di conservazione. Se non fosse in una posizione così pericolosa e in una zona ritenuta malfamata ci sarebbero tour dalla Germania pronti ad esplorarla. E’ un mistero come non sia stata fatta oggetto di vandalismo, sciacallaggio o furti di rame. Noi siamo riusciti ad entrare, con qualche difficoltà, ma senza rompere o danneggiare nulla». Per leggere il reportage completo www.ascosilasciti.com/it/2021/11/29/la-ex-discoteca-piu-bella-del-mondo-abbandonata-urbex-marche/

 

green-leaves3-650x322

green-leaves-5-650x306

green-leaves-4-650x353

 

Babaloo, la cattedrale abbandonata davanti al mare

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page



X