facebook rss

Puntò il laser contro l’autista del bus:
altri guai per il minore

ANCONA - Il questore Cesare Capocasa ha firmato un avviso orale nei confronti del ragazzo che aveva costretto il conducente della Linea R a fermarsi. Lo stesso è già stato colpito dal Daspo urbano e denunciato da Conerobus per interruzione di pubblico servizio
Print Friendly, PDF & Email

Una Volante della polizia (Archivio)

E’ stato firmato dal questore Cesare Capocasa e notificato nella giornata di oggi, il provvedimento di avviso orale, predisposto dalla Divisione Anticrimine, nei confronti del giovanissimo resosi responsabile con un altro ragazzo, già colpito anche lui da Daspo Urbano con divieto di accesso al centro città, per l’episodio del laser puntato contro il volto dell’autista della Conerobus sulla linea R.
Con questo provvedimento, il questore intima al minore di cambiare repentinamente condotta di vita, per aver già manifestato la propria capacità di turbare l’ordine e la sicurezza pubblica, con comportamenti pericolosi per l’intera collettività.
Inoltre, nel caso in cui l’avviso dovesse venir violato attuando ulteriori comportamenti socialmente pericolosi, il ragazzino potrebbe incorrere a misure più restringenti della libertà personale.
Le misure di prevenzione si confermano uno strumento efficace ed immediato volto a contrastare comportamenti pericolosi per l’ordine e la sicurezza, nell’interesse della collettività e della tranquillità cittadina.
Con questo avviso, si chiude il cerchio nei riguardi dei due giovani identificati e denunciati dalla polizia come gli autori dell’episodio avvenuto lo scorso 19 novembre.

Baby gang sull’autobus: puntano il laser contro l’autista, arriva la polizia

Puntò il laser contro l’autista: daspo urbano per il giovane autore

Basta bulli sui mezzi pubblici: scatta la denuncia di Conerobus

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page



X