facebook rss

Camper vaccinale a Jesi,
boom di adesioni:
si replica nelle palestre di via Zannoni

IERI in 270 si sono recati presso la sede della Croce Rossa per farsi somministrare la prima o la seconda oppure la terza dose. Per l'appuntamento di lunedì pomeriggio il Comune ha scelto un luogo più caldo per accogliere chi è in attesa
Print Friendly, PDF & Email

(foto d’archivio)

 

Ottimo il risultato della prima giornata di camper vaccinale a Jesi. In 270 si sono recati presso la sede della Croce Rossa in Via Gallodoro per somministrare chi la prima, chi la seconda, chi la terza dose. Un numero particolarmente rilevante che conferma come l’attività di comunicazione – l’unica competenza che il Comune di Jesi poteva prendersi in carico – sia stata efficace ed abbia raggiunto gli interessati. «Una bella risposta – ha sottolineato l’assessore alla sanità Marialuisa Quaglieri in un comunicato – che premia l’iniziativa della Croce Rossa a cui va il nostro ringraziamento per la disponibilità dimostrata in un periodo particolarmente delicato per l’acuirsi dei contagi. Vista la criticità evidenziata, vale a dire la lunga attesa al freddo di un numero di cittadini sicuramente superiore alla previsioni, il Comune, benché non sia in alcun modo coinvolto nell’iniziativa se non per divulgarla, si è fatto carico, di concerto con la Croce Rossa di individuare per la prossima giornata del camper vaccinale, una soluzione alternativa più funzionale per i cittadini. E dunque lunedì prossimo, sempre con orario dalle 14.30 alle 18.30, tutti coloro che vorranno somministrarsi prima, seconda o terza dose senza prenotazione al camper vaccinale, potranno presentarsi presso le palestre di Via Zannoni, dove l’una, attrezzata con sedie e riscaldata, sarà dedicata alle persone in attesa e l’altra alla somministrazione dei vaccini. Ringraziamo per la disponibilità le società sportive che, eccezionalmente, per quel pomeriggio non potranno utilizzare gli impianti per la loro attività e gli operatori della Croce Rossa coinvolti nella migliore accoglienza dei cittadini».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page



X