facebook rss

Ubriaco, molesta i clienti di un bar:
40enne multato

SENIGALLIA - L'uomo è stato fermato dalla polizia in un locale lungo la statale nord. Avviato il procedimento per la notifica del Daspo urbano
Print Friendly, PDF & Email

La polizia impegnata nei controlli (Foto d’archivio)

 

Ubriaco molesta i clienti di un bar: multato dagli agenti del Commissariato di Senigallia. E’ accaduto nel pomeriggio di ieri. La polizia è intervenuta su richiesta del 118 perchè era stata segnalata la presenza di un uomo in un bar lungo la statale nord che stava infastidendo gli avventori.  Gli agenti, giunti sul posto, hanno individuato  un soggetto che risultava essere un 40enne, extracomunitario, già noto per diversi precedenti. L’uomo fin da subito si è mostrato abbastanza agitato e, alla presenza del personale sanitario, ha fatto vedere delle escoriazioni in alcune parti del corpo. In particolare riferiva che mentre si trovava nei pressi del locale pubblico alcuni soggetti lo avevano aggredito facendolo cadere a terra. Ma la versione dell’uomo non ha coinciso con quanto affermato dal titolare del bar che negava che fosse avvenuta alcuna aggressione; più verosimilmente il fatto si era svolto all’esterno dove alcune persone erano state infastidite. Dagli accertamenti svolti, comunque, risultava che l’uomo si trovava in forte stato di agitazione connesso all’abuso di sostanze alcoliche; tant’è che entrato nel bar il cameriere si era rifiutato di servire altre bevande alcoliche, facendo allontanare il 40enne.
Durante l’intervento, l’uomo ha continuato a a proferire epiteti offensivi sia nei confronti degli agenti che del personale medico intervenuto. Successivamente è stato condotto presso il pronto soccorso da cui però si è poi allontanato senza attendere le cure.
I poliziotti hanno sanzionato il 40enne per lo stato di ubriachezza. E’ stato anche avviato il procedimento per l’applicazione, da parte del questore di Ancona, della misura di prevenzione del divieto di accesso alle aree urbane ed in particolare ai locali pubblici.

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page



X