facebook rss

Risponde a un sms e gli ripuliscono
il conto corrente di 5.500 euro

FABRIANO - La vittima, un 47enne della provincia di Macerata, si è rivolto ai Carabinieri che sono risaliti agli autori della truffa online: denunciati. Un 39enne fabrianese convinto, invece, di aver risparmiato stipulando per l'auto una polizza assicurativa sul web si è dovuto ricredere quando i militari lo hanno fermato per un normale controllo su strada scoprendo che non aveva alcuna copertura
Print Friendly, PDF & Email

Gli autori delle truffe online sono state denunciate dai carabinieri (foto d’archivio)

 

I Carabinieri della compagnia di Fabriano, diretti dal capitano Mirco Marcucci, hanno scoperto due nuove truffe online a conclusione di indagini tecnologiche. Nel primo caso ad essere rimasto vittima è stato un 47enne della provincia di Macerata. L’uomo ha ricevuto un sms da un utenza sconosciuta che lo invitava ad aggiornare i dati personali del proprio conto bancario on-line. Ha così fornito le credenziali e scaricato un presunto aggiornamento di quel conto. In realtà era un raggiro in quanto la banca non c’entrava nulla. L’uomo ha messo in atto quanto richiesto da quell’sms e poco dopo, quando è tornato nuovamente sulla sua applicazione per monitorare l’aggiornamento, si è accorto che mancavano 5.500 euro dal conto corrente che, poco prima, erano stati asportati illegalmente. Si è recato alla caserma di Fabriano e i carabinieri hanno avviato subito le indagini a conclusione delle quali sono state denunciate due persone, una donna nata in Brasile ma residente a Roma di 38 anni e un uomo di Roma di 36, entrambi per truffa aggravata in concorso.

La seconda truffa online invece ha visto coinvolto un fabrianese di 39 anni. L’uomo al momento di rinnovare l’assicurazione della propria autovettura ha chiesto diversi preventivi online con la speranza di risparmiare qualcosa. In un sito ha messo i dati personali suoi e del mezzo e poco dopo è stato contattato da due donne che si presentano come referenti di un’assicurazione on-line. Una volta stipulato il contratto, sempre online, ha versato 155 euro su una Postepay per il rinnovo della polizza assicurativa. Alcuni giorni dopo gli è anche arrivato a casa il certificato e ha viaggiato in tutta tranquillità. Recentemente, però, è stato fermato per un normale controllo su strada e l’automobilista ha mostrato documento e assicurazione alla pattuglia dei Carabinieri in servizio. È emerso, attraverso verifica in banca dati, che quel mezzo non era assicurato. Ha così scoperto di essere stato truffato quando ha rinnovato l’assicurazione in un sito non attendibile. I carabinieri di Fabriano hanno denunciato in concorso per truffa due donne, una nata e residente a Napoli di 24 anni e una nata in Moldavia residente a Napoli di 48 anni

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page



X