facebook rss

Castelbellino ricorda
Lina Wertmuller

EVENTI - Da martedì prossimo all’11 agosto, la rassegna cinematografica 'Sandrino Franconi' sulla Terrazza Camerini, quest'anno dedicata alla regista recentemente scomparsa
Print Friendly, PDF & Email

 

Prende il via martedì prossimo, 26 luglio, la rassegna cinematografica all’aperto intitolata a Sandrino Franconi. Cinque gli appuntamenti in Terrazza Camerini, dal 26 luglio all’11 agosto, dedicati alla regista Lina Wertmuller, recentemente scomparsa. La prima pellicola in calendario, martedì 26 luglio, ore 21.15, è “Film d’amore e d’anarchia – Ovvero “Stamattina alle 10 in via dei Fiori nella nota casa di tolleranza…”. Martedì 2 agosto sarà la volta di “Tutto a posto e niente in ordine”, quindi giovedì 4 agosto “In una notte di chiaro di luna”. Martedì 9 agosto toccherà a “Questa volta parliamo di uomini”. La rassegna si chiuderà giovedì 11 agosto con “Un complicato intrigo di donne, vicoli e delitti”. Tutte le proiezioni iniziano alle 21.15, l’ingresso è gratuito fino ad esaurimento posti disponibili.

«Questa edizione del Cinema in Terrazza è stata organizzata in collaborazione con Subwaylab. – spiega in una nota l’assessora alla cultura Veronica Sassaroli – Siamo contenti che abbia manifestato il proprio interesse a prendere parte all’organizzazione degli eventi di Castelbellino Arte, soprattutto per poter dare un apporto nuovo, diverso alle nostre attività. Ci piace cambiare, di tanto in tanto, per cercare di capire quali siano le preferenze dei cittadini e del pubblico sia nell’ambito delle proposte che il nostro Cinema all’aperto può offrire sia nell’ambito delle iniziative culturali in senso più ampio. Con Subwaylab, infatti, abbiamo in cantiere anche alcuni workshop che si svolgeranno nei prossimi mesi nel Borgo».

Lina Wertmuller è stata la prima donna candidata all’Oscar per la regia: «Abbiamo accolto con grande entusiasmo la scelta di rendere omaggio alla regista Lina Wertmuller, questa volta proposta proprio da Subwaylab. Il cinema, dal lato registico, sembra sempre prerogativa degli uomini, anche oggi. – Prosegue l’assessora – Invece ci sono stati e continuano ad esserci casi significativi di donne che sono riuscite a farsi strada nel mondo del cinema, superando gli ostacoli del pregiudizio e degli stereotipi di genere. Siamo felici di raccontare Lina Wertmuller, che è stata la prima donna nella storia a essere candidata all’Oscar come migliore regista, addirittura nel 1977. La Wertmuller rappresenta un esempio riconosciuto in ambito cinematografico, non solo perché è stata la prima regista ad avere avuto successo dal punto di vista commerciale, ma anche perché, quando intraprese la sua carriera, erano in poche a fare quel mestiere. Lei sosteneva che la regia non era un mestiere da uomini bensì un mestiere per chi ha talento. La nostra rassegna, per tradizione, si focalizza sul Cinema storico nazionale, senza mai perdere di vista la qualità e siamo convinti di averla garantita anche quest’anno».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page



X