facebook rss

Sorpreso a rubare tra le auto in sosta:
inseguito a piedi e arrestato un 25enne

ANCONA - Grazie alla segnalazione di un cittadino, i poliziotti si sono subito messi sulle ricerche del ladro riuscendo a individuarlo nei pressi del porto turistico. Indagini in corso per capire se possa trattarsi del responsabile che ha danneggiato altre vetture negli scorsi giorni
Print Friendly, PDF & Email

Volanti della polizia in servizio

Stava cercando di rubare all’interno delle auto in sosta, dopo averle danneggiate, nei pressi del porto turistico.
Il ladro però, un 25enne nato ad Ancona, è stato raggiunto e arrestato dalla polizia grazie alla segnalazione di un passante.
Intorno alle 22 di ieri, la Volante impegnata in un servizio di pattugliamento era stata avvicinata da un uomo che ha fatto presente ai poliziotti di aver notato un giovane, descrivendone anche l’abbigliamento, che stava cercando di rompere il vetro di un’auto.
I poliziotti, insieme a una pattuglia dei carabinieri, hanno subito iniziato le ricerche in zona. Successivamente, svoltando all’interno di un’area di sosta priva di illuminazione e circondata da siepi alte, hanno notato un giovane che stava armeggiando attorno a una vettura. Tutto corrispondeva alla segnalazione di poco prima e per questo il topo d’auto è stato avvicinato.
Alla vista della Volante, il 25enne si è però dato alla fuga tagliando per le siepi.
A questo punto i poliziotti, scesi dalle Volanti, lo hanno inseguito a piedi ma il ladro ha scavalcato una recinzione riuscendo a raggiungere un’area di rimessaggio barche. Stessa cosa hanno fatto anche gli uomini della questura riuscendo a bloccarlo e arrestarlo pochi minuti dopo.
Effettuato immediatamente un sopralluogo per verificare se l’auto vicino alla quale era stato notato, fosse danneggiata, è emerso che il lunotto posteriore era stato spaccato. Il 25enne, perquisito, è stato trovato anche in possesso di una memory card appartenente al proprietario del veicolo.
Gli agenti hanno poi controllato anche le altre auto che si trovavano nel parcheggio, trovandone danneggiate altre due: una aveva delle profonde scalfitture sui finestrini provocati da un oggetto contundente mentre all’altra, oltre alle scalfitture sui vetri, era stata lacerata la capote. I rispettivi proprietari hanno sporto denuncia.
Questa mattina, il 25enne è stato processato per direttissima e l’arresto per il reato di furto aggravato, in flagranza di reato è stato convalidato disponendo la misura cautelare dell’obbligo di presentazione alla polizia giudiziaria.
Furti su auto, messi a segno con modalità analoghe, erano già stati denunciati nei giorni scorsi. Per questo motivo sono in corso indagini da parte della polizia per accertare e ricostruire le eventuali responsabilità.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page



X