facebook rss

«Nuovo anno scolastico,
che sia meno problematico
di quelli precedenti»

IL GARANTE regionale Giancarlo Giulianelli manda un messaggio agli alunni e alle alunne: «Il compito primario della scuola deve essere quello di costruire percorsi condivisi, di fornire sostegno a chi più ne ha bisogno e di accompagnare ragazzi e ragazze nella loro formazione, ascoltandoli e cogliendo le profonde trasformazioni che sono in atto nella società»
Print Friendly, PDF & Email

 

MovimentoPerLeMarche_Giulianelli_FF-11--325x217

Giancarlo Giulianelli

Alla vigilia del nuovo anno scolastico, il garante regionale Giancarlo Giulianelli manda un messaggio agli alunni e alle alunne che si apprestano ormai a tornare in classe. «Si rinnova il nostro augurio a tutti gli studenti per un percorso che sia meno problematico di quelli precedenti, ma soprattutto che abbia la capacità di coinvolgerli pienamente, regalando loro emozioni, soddisfazioni e obiettivi raggiunti». Secondo Giulianelli «il compito primario della scuola deve essere proprio quello di costruire percorsi condivisi, di fornire sostegno a chi più ne ha bisogno e di accompagnare i ragazzi nella loro formazione ascoltandoli e cogliendo le profonde trasformazioni che sono ormai in atto nella nostra società. Senza queste premesse, non ci stancheremo mai di dirlo, si rischia di riproporre modelli ormai superati che non sempre permettono di rendere maggiormente partecipi gli studenti». Il garante non manca di evidenziare che «il loro è un mondo complesso, sempre più complesso, che va in qualche modo supportato anche oltre la formazione scolastica, fornendo valide alternative per il tempo libero. Negli ultimi mesi l’autorità di garanzia ha inteso confrontarsi con amministratori locali e rappresentanti di associazioni, individuando le criticità presenti e ponendo le basi per progetti che, senza alcuna presunzione risolutiva, aprano le porte a nuove forme di coinvolgimento. In questa direzione è sicuramente indispensabile una significativa unità d’intenti. Per ora buon lavoro a tutti».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page



X