facebook rss

Controlli in un fast food:
sanzioni per 7.500 euro e attività sospesa

ANCONA - Tante le irregolarità riscontrate dagli agenti della Squadra Amministrativa e di Sicurezza e dai colleghi della polizia locale, Ufficio polizia Commerciale Annonaria, che hanno effettuato l'ispezione
Print Friendly, PDF & Email

Volanti e polizia locale (Archivio)

Alimenti in cattivo stato di conservazione, pavimento sporco e con residui di cibo, insetti in cucina.
E’ questo quanto trovato non appena iniziata l’ispezione di un fast food – kebab di via Marconi, nei pressi della stazione, da parte dei poliziotti della Squadra Amministrativa e di Sicurezza (Pas) effettuata insieme ai colleghi della polizia locale, Ufficio polizia Commerciale Annonaria.
L’ispezione ha permesso di accertare gravi violazioni delle principali norme igienico-sanitarie
Per questo motivo, il titolare del locale è stato sanzionato per due violazioni che prevedono il pagamento rispettivamente di 666 e 258 euro.
Gli alimenti, constatato il cattivo stato di conservazione in cui si trovavano, sono stati riposti in sacchi neri e cosparsi di ammoniaca.
Nel locale, inoltre, non era stato messo il cartello divieto di fumo e per questo è scattata una multa di 308 euro. Gli agenti, durante l’ispezione, hanno anche accertato che non era stato installato il Pos ed è stata effettuata un’altra multa di 154 euro oltre alla segnalazione al Suap.
I bicchieri utilizzati erano di plastica e ciò ha comportato un’altra sanzione da 154 euro più un’altra di pari importo poiché non veniva effettuata la raccolta differenziata dei rifiuti. Mancavano poi le zanzariere e i bidoni di copertura dei rifiuti (multa di 3.098 euro).
Gli operatori, infine, erano tutti senza copricapo (multa di 258 euro ciascuno). Il totale delle violazioni contestate ammonta a 7.500 euro.
Alla luce delle gravi carenze igienico-sanitarie, è stato necessario far intervenire anche personale specializzato dell’Asur Marche che ha sospeso l’attività fino a quando il titolare non ripristinerà le condizioni igienico-sanitarie del locale.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page



X