facebook rss

Scorda la chiave e rimane chiuso fuori:
caos nella hall dell’hotel:
arrestato un 35enne

MONTEMARCIANO - Non trovando nessuno alla reception, l'uomo ha dato in escandescenze. Arrivati i carabinieri per riportare la calma, ne è nata però una colluttazione. In camera è stata rinvenuta della sostanza stupefacente
Print Friendly, PDF & Email

I carabinieri di Senigallia durante alcuni controlli (Archivio)

Un 35enne residente in Abruzzo, ospite di una struttura ricettiva di Montemarciano, è stato arrestato dai carabinieri di Marzocca per resistenza a pubblico ufficiale.
L’uomo, nella nottata, era uscito dalla stanza rimanendo chiuso fuori, senza la chiave.
Andato alla reception, non ha trovato nessuno e per questo motivo ha iniziato ad agitarsi, creando scompiglio tra gli ospiti dell’albergo.
Preso dall’ira, ha poi iniziato a rompere alcuni oggetti che si trovavano nella hall e a creare confusione al punto che gli stessi ospiti dell’albergo hanno chiamato i carabinieri.
Giunta sul posto la pattuglia dell’Arma, il 35enne era in un forte stato di agitazione.
Reperito un dipendente dell’hotel, i carabinieri sono entrati in camera insieme all’uomo e dentro la sua stanza hanno trovato un grinder utilizzato per triturare la marijuana.
A questo punto hanno deciso di effettuare una perquisizione per la ricerca della sostanza stupefacente. L’uomo ha però iniziato a opporre resistenza a seguito della quale è scaturita una colluttazione con un carabiniere, che ha riportato poi alcune lesioni a una spalla.
Successivamente bloccato e messo in sicurezza con l’ausilio anche di altri carabinieri intervenuti nel frattempo sul posto, proseguita la perquisizione ecco che nella camera è stato trovato un barattolo in vetro con dentro circa 9 grammi di marijuana, per uso personale, sottoposta a sequestro amministrativo. L’uomo è stato dunque segnalato alla prefettura come assuntore di droga e arrestato per il reato di resistenza e oltraggio a pubblico ufficiale. Dovrà rispondere anche dei reati di danneggiato e lesioni personali. Dopo l’arresto, sottoposto ai domiciliari, è stato condotto nell’abitazione di un amico. Questa mattina si terrà l’udienza di convalida davanti al Gip di Ancona.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page



X