facebook rss

Simonetti e Spagnoli ribaltano la Lucchese:
Ancona vince sotto gli occhi di Tony Tiong

SERIE C - Al Del Conero i biancorossi vanno sotto nel primo tempo a causa di un rigore. Nella ripresa matura il 2 a 1. Presente allo stadio il presidente malese. La squadra di Colavitto consolida la decima posizione e resta agganciata al treno playoff
Print Friendly, PDF & Email

 

L’esultanza di Spagnoli dopo il gol vittoria (foto U.S. Ancona)

di Andrea Cesca

L’Ancona fa festa insieme al presidente Tony Tiong. La dorica soffre, va sotto di una rete, poi nella ripresa ribalta il risultato. Contro la Lucchese finisce 2 a 1 grazie ai gol di Simonetti e Spagnoli che rispondono a Bianchimano. Il presidente malese Tony Tiong presente allo stadio Del Conero si gode i tre punti che consentono alla squadra di Colavitto di consolidare la decima posizione di classifica e di restare agganciata al treno playoff. Una vittoria meritata condita da due legni, uno per parte, di Semprini e Moretti.

Simonetti esulta dopo il pareggio (foto U.S. Ancona)

«Mi auguro che la rabbia accumulata si trasformi in energia vincente sul campo» ha affermato Gianluca Colavitto alla vigilia del match prendendosela con gli errori individuali. I cartellini rossi cominciano a pesare, per la sfida contro l’undici toscano sono indisponibili gli squalificati Mondonico e De Santis. Difesa inedita dunque per i biancorossi, con Bianconi e Fantoni al centro, Perucchini vince il ballottaggio con Vitali e va in porta. Non c’è Paolucci, in miglioramento ma non ancora pronto. La Lucchese arriva ad Ancona forte di quattro vittorie e due pareggi nelle ultime sei partite, più il successo in Coppa Italia. Maraia recupera Di Quinzio, fuori da oltre un mese, restano ancora out Romero, Pirola e Coletta.

Prima del fischio di inizio viene osservato un minuto di silenzio per ricordare Francesco e Lyudmylla, le vittime della tragedia di Torre (località poco fuori Lucca) causate dall’esplosione di una palazzina. La partita si mette subito male per l’Ancona, dopo appena un minuto di gioco e al primo scatto Petrella accusa un problema fisico ed è costretto alla sostituzione, al suo posto entra Lombardi. L’unica occasione degna di nota nei minuti iniziali è quella di Tumbariello, che spedisce alto dal limite. La partita si riaccende al 35′: il capitano della Lucchese Tiritiello recupera palla nella propria area, avanza e serve sulla destra Semprini, il cui tiro cross si stampa sul palo. Sul capovolgimento di fronte Spagnoli rientra e calcia con il destro, rasoterra fuori di poco. Tre minuti più tardi si rompe l’equilibrio: Bianconi atterra Semprini in area e l’arbitro assegna il calcio di rigore, i padroni di casa protestano per un presunto fuorigioco ma in serie C non c’è Var, sul dischetto va Bianchimano, Perucchini intuisce e tocca ma la palla entra in porta (0-1).

(foto U.S. Ancona)

L’Ancona inizia la ripresa con maggiore convinzione ma sulle prime non trova il pertugio giusto. La Lucchese si rende pericolosa con un colpo di testa di Tiritiello a lato. Il pareggio si materializza al 57’: cross dalla sinistra di Martina, Simonetti anticipa tutti e schiaccia in fondo al sacco il gol dell’1 a 1. Adesso i biancorossi ci credono, un destro a girare di Di Massimo sfiora il palo. L’Ancona è padrona del campo in questa fase, ma al 66’ si scopre e rischia grosso: Perucchini si oppone al tiro dalla distanza di Bruzzaniti, sulla respinta Semprini solo davanti al portiere calcia incredibilmente alto. L’Ancona pareggia il conto dei legni al 73’ con Moretti, l’attaccante riceve in area e gira verso la porta di prima intenzione con il destro, palo pieno. Il Del Conero è una bolgia, alcune decisioni dell’arbitro mandano su tutte le furie i tifosi di casa. La squadra di Colavitto opera il meritato sorpasso all’85’ con una rete quasi in fotocopia a quella del pareggio: Di Massimo calcia una punizione sulla sinistra, sul primo palo la testa di Spagnoli anticipa tutti, Cucchietti tocca ma la palla entra (2 a 1).

I tifosi dell’Ancona

Il triplice fischio finale dopo i cinque minuti di recupero arriva come una liberazione. Chiavari è dimenticata, l’Ancona è tornata.

Il tabellino:

ANCONA (4-3-3): Perucchini; Mezzoni, Bianconi, Fantoni, Martina (32’ st Brogni); Simonetti, Gatto (32’ st D’Eramo), Prezioso; Petrella (4′ pt Lombardi) (11’ st Moretti), Spagnoli, Di Massimo. A disp.: Piergiacomi, Vitali, Lombardi, Berardi, Pecci, Barnabà, Mattioli. All.: Colavitto.

LUCCHESE (4-3-3): Cucchietti; Quirini, (13’ st Maddaloni) Tiritiello, Benassai, Alagna; Tumbariello (41’ st Rizzo Pinna), Franco, Visconti (13’ st Mastalli); Bruzzaniti, Bianchimano (36’ st Ravasio), Semprini. A disp.: Galletti, Ferro, Bachini, D’Ancona, Catania, D’Alena, Merletti, Di Quinzio. All.: Maraia.

TERNA ARBITRALE: Burlando di Genova (Morotti di Bergamo e Cassano di Saronno)

RETI: 38′ p.t. rig. Bianchimano (L), 12’ s.t. Simonetti (A), 40’ s.t. Spagnoli (A)

NOTE: spettatori 2.650 (di cui 78 ospiti) per un incasso di 17.550 euro. Ammoniti: Prezioso, Bianconi, Bianchimano, Colavitto, Moretti, Maraia, Alagna, Maddaloni. Espulso: Virgili. Calci d’angolo 9 a 3 per l’Ancona. Recupero: 8′ (3’ + 5’).

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page



X