facebook rss

Terremoto, Giacomo Rossi invia
rimostranza a Rfi e al Ministero
sullo stato della stazione Fs

ANCONA - Dopo la pioggia di calcinacci caduta ieri, il consigliere regionale dei ‘Civici Marche' ha evidenziato il degrado in cui versa lo scalo ferroviario dorico auspicando che possa ricevere «maggiore attenzione ed essere riportato ad uno stato di normalità che si addice ad un capoluogo di regione»
Print Friendly, PDF & Email

Crolli di calcinacci alla Stazione ferroviaria di Ancona, ieri 9 novembre 2022

 

Il consigliere regionale dei ‘Civici Marche’, Giacomo Rossi, ha inviato una rimostranza a Rfi e al Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti sullo stato della stazione Ferroviaria di Ancona che, dopo la scossa di terremoto di mercoledì, ha evidenziato diverse criticità. «La recente e forte scossa di terremoto avvenuta mercoledì nella nostra Regione – afferma Rossi – ha evidenziato ulteriormente lo stato di precarietà strutturale ed incuria in cui ricade la stazione Ferroviaria di Ancona, stazione principale della nostra Regione. Riguardo all’incuria, in alcuni punti la sporcizia ed il degrado sono imbarazzanti. Con la mia missiva ho richiesto ed auspicato che lo stesso scalo ferroviario, il principale della Regione Marche, possa ricevere maggiore attenzione ed essere riportato ad uno stato di normalità che si addice ad un Capoluogo di Regione».

Giacomo Rossi

«Attendiamo fiduciosamente delle risposte concrete che non possono di certo tardare – conclude l’esponente dei Civici Marche- e seguiremo fino in fondo questa vicenda. Gli anconetani ed i marchigiani in generale si meritano una stazione tenuta e gestita diversamente».



Articoli correlati

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page



X