facebook rss

Castelferretti, il Poliambulatorio
lascia l’attuale sede
«ma i servizi sono garantiti»

FALCONARA - A seguito della disdetta di contratto di locazione per l’immobile di via Giordano Bruno l’Area Vasta 2 ha trasferito il servizio Adi nell'edificio di via F.lli Rosselli 11 mentre Umee ed Umea troveranno spazio all’ospedale di Comunità di Chiaravalle. Si stanno cercando soluzioni per il servizio dei prelievi del sangue che l’azienda sanitaria vorrebbe mantenere in loco
Print Friendly, PDF & Email

 

A seguito della disdetta di contratto di locazione, il Poliambulatorio di Castelferretti dovrà lasciare libero l’immobile situato in via Giordano Bruno 82 a Castelferretti alla data del 31 dicembre prossimo. Lo comunica la Direzione di Area Vasta 2. «Attualmente nello stabile sono dislocati i servizi Umee, Umea, Adi e centro prelievi del sangue. – ricorda l’Av 2 – L’azienda sanitaria si è attivata da tempo per trovare soluzioni alternative atte a continuare a garantire tutti i servizi erogati alla cittadinanza ed infatti ha previsto il trasferimento dell’Adi a Falconara Marittima presso il poliambulatorio di via F.lli Rosselli 11 (il cui immobile è di proprietà dell’azienda sanitaria stessa) mentre per i servizi Umee ed Umea si provvederà al loro trasferimento all’interno dell’ospedale di Comunità di Chiaravalle, in spazi adeguati che saranno riqualificati con lavori attualmente in corso. Per il servizio dei prelievi del sangue si ribadisce che si sta cercando di mantenerlo in loco in spazi in via di individuazione essendo il punto prelievi una tipologia di attività che maggiormente impatta sulla popolazione e nella fattispecie su quella anziana». Pertanto tutti i servizi continueranno ad essere garantiti anche se in sedi diverse e a poca distanza dalle precedenti.

La Direzione di Area Vasta 2 aggiunge di essere sempre aperta e disponibile nei confronti dei privati cittadini, associazioni e tutti coloro «che a vario titolo partecipano e gravitano intorno ai percorsi sanitari e socio assistenziali, precisa che le modalità gestionali, amministrative e i percorsi decisionali spettano all’Azienda Sanitaria la quale deve agire, per legge, rispettando tutti i principi di legalità, imparzialità, trasparenza, buon andamento della pubblica amministrazione. Si invitano pertanto tutti, ad ogni livello, a rispettare i percorsi decisionali in essere».

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page



X