facebook rss

Spara al compagno di caccia
scambiandolo per un cinghiale

ARCEVIA - L'incidente è avvenuto nella zona di Madonna delle Grazie, alle pendici del monte Sant'Angelo. L'uomo è stato trasportato a Torrette e sottoposto a un intervento chirurgico
Print Friendly, PDF & Email

Il compagno di caccia ha sparato accidentalmente (Archivio)

Incidente di caccia nel primo pomeriggio nell’arceviese.
Un cacciatore di 66 anni è rimasto ferito da un colpo di fucile sparato accidentalmente da un compagno di battuta.
L’episodio, che non si è trasformato per poco in tragedia, si è verificato nella zona Madonna delle Grazie, alle pendici del monte Sant’Angelo, intorno alle 15.30.
L’uomo, che si trovava insieme ad altri cacciatori, stando ad una prima ricostruzione dei fatti tuttora in fase di accertamento, era nascosto dietro ad una fratta quando un cinghiale sarebbe passato per poi riuscire a scappare.
Avvistato dal gruppo, le ricerche dell’animale sono proseguite fino a quando il fogliame del fitto cespuglio è stato visto muoversi.
Un componente del gruppo ha quindi sparato, convinto che si trattasse del cinghiale, colpendo quindi accidentalmente il 66enne all’inguine. Il colpo, solo per una questione di pochissimo, non ha però fortunatamente reciso l’arteria femorale dell’uomo.
Immediato l’allarme lanciato al 112 da parte della squadra di caccia.
Sul posto sono accorsi i vigili del fuoco, le ambulanze del 118, l’ambulanza medicalizzata e i Forestali. Richiesto anche l’intervento di Icaro che però, a causa delle condizioni meteo, non è potuto atterrare.
Raggiunto il 66enne dal personale soccorritore via terra, l’uomo è stato medicato sul posto e l’emorragia è stata fermata. Una volta dunque stabilizzato il quadro clinico, si è quindi proceduto al trasporto d’urgenza al pronto soccorso di Torrette. Trasferito in sala emergenza, il 66enne è stato subito sottoposto ad un delicato intervento chirurgico.
Il cacciatore è rimasto sempre cosciente e le sue condizioni non sarebbero giudicate gravi.
I Forestali hanno proceduto al ritiro cautelare del fucile e del munizionamento in dotazione al compagno che ha sparato.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page



X