facebook rss

A Natale ‘Dona un pasto sospeso’,
la campagna di solidarietà
per la nuova mensa dei poveri

ANCONA - Quest’anno la tradizionale raccolta di Avvento-Natale di Carità sarà dedicata dalla Diocesi al progetto del refettorio realizzato nella Chiesa di Santo Stefano alla Palombella. Ecco come contribuire
Print Friendly, PDF & Email

 

Quest’anno la tradizionale raccolta di Avvento-Natale di Carità sarà dedicata dalla Diocesi di Ancona-Osimo al progetto della nuova Mensa diocesana Caritas realizzata nella Chiesa di Santo Stefano alla Palombella. L’arcivescovo Angelo Spina aveva annunciato la scorsa estate che la mensa sarebbe stata realizzata nella chiesa di Santo Stefano, in prossimità della stazione ferroviaria di Ancona. Il luogo di culto era chiuso da quarant’anni a causa della frana che ne ha compromesso struttura e agibilità. Prima i commensali venivano accolti alla mensa “G. Ferretti” sotto il tendone, in prossimità della stazione di Ancona, struttura sempre gestita dalla Caritas. La nuova mensa che prevede un refettorio per circa 200 persone, cucina, dispensa e servizi igienici, non ha beneficiato di finanziamenti pubblici è diventata realtà grazie alla solidarietà e alle offerte di chi ha voluto far crescere questo progetto.

Mons. Angelo Spina

Nel 2023 la Caritas Diocesana Ancona-Osimo offrirà più di 40.000 pasti alle persone in difficoltà. Di qui anche l’iniziativa natalizia ‘Dona un pasto sospeso’. «Fatti prossimo e aiuta anche tu le oltre mille persone che incontriamo alla nostra tavola. Con 5 euro doni la cena ad una persona, scegli tu quanti pasti donare» scrive la Diocesi. Chi volesse contribuire per versare la propria donazione con bonifico Bancario al seguente IBAN: IT 53 O 02008 02626 000030053094 Intestato a Ass. SS. Annunziata OdV oppure online su bit.ly/pastosospeso.

 

Un nuovo servizio mensa per gli indigenti

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page



X