facebook rss

Terremoto, firmati gli ammortizzatori sociali.
Alle Marche 96,1 milioni

SISMA - Il Governo vara le misure a sostegno dei lavoratori privati, autonomi, agricoltori e titolari di impresa. A breve la modulistica per la richiesta dei contributi
venerdì 20 gennaio 2017 - Ore 17:47
Print Friendly, PDF & Email

Il presidente della Regione Luca Ceriscioli

 

Ammortizzatori sociali per 96,1 milioni stanziati per le Marche dal Governo. Risorse a favore dei lavoratori privati (compresi quelli agricoli), autonomi e titolari di impresa individuali colpiti dal sisma del 24 agosto e 26 ottobre scorso. Il contributo rientra nel pacchetto di misure a sostegno delle popolazioni vittime del terremoto. A sottoscrivere la convenzione per la concessione degli ammortizzatori sociali, i ministeri del Lavoro, dell’Economia e le Regioni Abruzzo, Lazio, Marche, Umbria. La modulistica sarà pronta nei prossimi giorni. Le domande andranno presentate alla Regione. La lista dei beneficiari verrà inviata all’Inps, che provvederà al pagamento delle indennità ai lavoratori che hanno sospeso l’attività a seguito del sisma. «Risorse che recupereranno i mancati redditi dei lavoratori a seguito del terremoto che ha colpito l’Italia centrale – commenta il presidente Luca Ceriscioli, firmatario della convenzione per le Marche – Un segno di speranza per ripartire, forti della convenzione che lo Stato è vicino ai territori così duramente e lungamente devastati dagli eventi di questi ultimi mesi». I benefici verranno applicati per le imprese che hanno subito danni dai terremoti del 24 agosto e 26 ottobre 2016. Il periodo coperto dai trattamenti autorizzati dalle Regioni va dal 24 agosto al 31 dicembre 2016. Le indennità riconosciute riguardano la cassa integrazione in deroga per i lavoratori del privato (per gli agricoltori, le giornate non lavorate) e il contributo “una tantum” per gli autonomi. Appena sarà pronta la modulistica, la Regione Marche comunicherà subito le modalità di invio delle richieste.

Print Friendly, PDF & Email
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page



X