facebook rss

L’asilo più antico di Osimo
insegna l’arte della vita
attraverso la musica (Video)

PEDAGOGIA - Il 'Metodo Rusticucci' è alla base della didattica della scuola materna Maria Mosca di Osimo Stazione, gestita da 84 anni dalle suore carmelitane. Una storia d'insegnamento che coinvolge le famiglie e che si tramanda di nonno in nipote
mercoledì 3 Maggio 2017 - Ore 13:20
Print Friendly, PDF & Email
La musica nella didattica della Materna 'Maria Mosca' raccontata dal prof. Fulvio Rusticucci e suor Maria Stella Marzano

Il libro stampato nel 2013, commemorativo dei primi 80 anni della scuola cattolica Maria Mosca e l’edizione 2011 del Metodo Rusticucci a cui la didattica dell’asilo di Osimo si ispira

Ottantaquattro anni e non sentirli. La scuola materna Maria Mosca di Osimo Stazione è gestita dal 1933 dalle suore Carmelitane e la sua missione in quasi un secolo di vita non è cambiata: istruzione e assistenza al mondo dell’infanzia con il coinvolgimento diretto delle famiglie. Questo asilo ha fatto e continua a fare la storia della frazione più popolosa di Osimo. E’ stato frequentato da intere generazioni di bambini che oggi sono diventati nonni, che non dimenticano, che continuano ad accompagnare ogni mattina i nipoti nelle aule di via Adriatica.

Nell’ultimo decennio la didattica della scuola istituita dalla religiosa osimana Maria Mosca, cofondatrice della congregazione di Nostra Signora del Carmelo, si è incentrata sul rivoluzionario ‘Metodo Rusticucci’, ideato dal direttore dell’Associazione Culturale Toscanini, il professore Fulvio Rusticucci, chitarrista, compositore, musico-terapeuta, tra gli autori dell’’Albero Azzurro’, la trasmissione Rai per ragazzi. Uno strumento pedagogico multidisciplinare che attraverso la musica, il suono della voce, consente al bambino di esprime al meglio il proprio talento, di accrescere l’autostima e di valorizzare le doti artistiche nello sviluppo della sua personalità.

Suor Maria Stella Marzano, la direttrice della scuola materna

La scuola cattolica paritaria di Osimo Stazione, l’unica ancora attiva in città, è diretta da suor Maria Stella Marzano che si avvale della collaborazione delle consorelle e di due insegnati, molto apprezzate dai genitori, Manuela Martinelli e Marisa Rizzo. Dalle 7 di mattina alle 16 (refezione scolastica inclusa nella retta mensile di 160 euro) offre ai 50 alunni un ventaglio di proposte educative che includono in orario extrascolastico anche incontri formativi per le famiglie, il confronto con figure formative nel sostegno alla relazione genitori-figli e naturalmente un ricco programma di formazione pedagogica che quest’anno è stato sviluppato sul tema dei colori, attraversando tutte le discipline. Oltre allo studio dell’inglese, i bambini apprendono gli elementi fondanti della musica, affrontano lezioni di psicomotricità, visite didattiche e si preparano a salire sul palcoscenico per il saggio e la recita di fine anno scolastico.

Il prof. Fulvio Rusticucci, ideatore del metodo, pedagogo dell’asilo di Osimo

Certo, per continuare a garantire la qualità del servizio questo fulcro pedagogico avrebbe bisogno anche di contributi pubblici, da almeno due anni invece completamente sospesi dal Comune di Osimo, e con la nascita della sezione della materna pubblica a indirizzo montessoriano, oggi l’asilo più antico di Osimo, divide gli orientamenti di mamme e papà sulla scelta della scuola da far frequentare ai propri bambini. Ispirata ai principi della madre fondatrice dell’ordine monastico Maria Teresa Scrilli, che mettono al centro il bambino, la scuola Maria Mosca resta però un’istituzione educativa sempre attuale e moderna, perché “attenta, accogliente, trasparente e libera, aperta all’integrazione multietnica”, tanto che è frequentata anche da bimbi di religione musulmana. Le iscrizioni sono aperte fino alla fine del mese di giugno. (Per info. Www.scuolainfanziamosca.it tel. 71 781030).

Print Friendly, PDF & Email
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page



X