facebook rss

Il Passetto ritrova il suo ascensore:
festa e corse gratis
per la riapertura

ANCONA – Mercoledì dalle 18.30 il via all'inaugurazione, alle 21,30 la prima corsa. Da lunedì torna il ticket, da luglio i tornelli chiuderanno al pubblico la parte centrale della balconata. L'impianto sarà in funzione da aprile a settembre, tutti i giorni dalle 8 alle 24. Mancinelli: "E' un intervento di visione della città futura" (Fotogallery con gli scatti d'epoca)
martedì 20 Giugno 2017 - Ore 18:44
Print Friendly, PDF & Email

Le ultime prove della nuova illuminazione

 

di Emanuele Garofalo

Uno sguardo al passato e uno al futuro. Il Passetto ritrova uno dei suoi simboli storici, inaugurato nel 1956 dal sindaco Angelini, rinnovato con una veste bianca, vetrate al posto delle inferriate e una nuova illuminazione, che nelle intenzioni del Comune dovrebbe segnare il recupero dell’intera area della pineta e piazza IV Novembre. Per il sindaco Mancinelli non è semplice manutenzione. “E’ un tassello di un mosaico più ampio, di un disegno strategico della città centrato sul percorso da mare a mare e sul fronte mare da Palombina alla Lanterna rossa. Un disegno che stiamo facendo passo dopo passo” commenta il sindaco.

La festa. Via alle celebrazioni mercoledì 21 giugno già a partire dalle 18.30 alla pista di pattinaggio del Passetto con l’esibizione di oltre 50 atleti dell’Ancona Skating, allenati dalla campionessa Annalisa Graziosi, Veronica Gioacchini e Tatiana Soccetti. Alle 20.30 il concerto della Fisorchestra Marchigiana alla balconata del Monumento ai Caduti dedicata all’attrice Virna Lisa. La targa in memoria all’attrice sarà ufficialmente scoperta a settembre, in un evento dedicato, insieme alla conclusione del restauro del basamento del Monumento ai caduti, ancora in corso perché si è rivelato più complesso del previsto. Alle 21.30 la prima corsa inaugurale dell’ascensore, accompagnata dall’orchestra d’archi dell’Accademia musicale e l’accensione dell’illuminazione affidata ad uno spettacolo della Compagnia dei Folli, con una ballerina che sorvolerà a bordo di una mongolfiera il Passetto, come già avvenuto per la fine dei lavori di piazza Cavour. Per l’occasione, l’ascensore sarà gratuito da mercoledì sera e fino al 25 giugno, domenica compresa. Da lunedì si dovrà pagare il ticket: 1 euro per la corsa (una discesa e un viaggio di risalita).

I lavori ultimati

Le novità. Capienza massima di 20 persone, velocità di 2 metri al secondo (contro i 3 metri al secondo del vecchio impianto) e ci saranno i tornelli. Sono alcune novità del rinnovato ascensore. Da metà luglio saranno installati gli accessi automatizzati che si apriranno solo esibendo il biglietto. E chiuderanno al pubblico una parte della balconata sul mare: i tornelli saranno porte di vetro scorrevoli e saranno piazzati ai lati degli ingressi delle cabine, sbarrando la parte centrale dell’affaccio sul mare. Saranno sempre aperte al pubblico invece le due “ali” alla destra e alla sinistra delle cabine. Tra le novità, anche il periodo di funzionamento: tutti i giorni dalle 8 alle 24, almeno fino al 30 settembre. Per il prossimo anno, il sindaco ha definito “possibile” la riapertura già dai primi di aprile. L’impianto è completamente automatizzato, video sorvegliato e comandato da remoto dai gestori, la società Conerobus. Tornerà a bando per la concessione anche il locale dell’ascensore, l’ex disco pub gestito da Bedeschi, ora ristrutturato ma ancora allo stato grezzo.

I lavori. Il conto alla fine è stato sforato di 400mila euro: oltre i 2 milioni messi in preventivo (1.230 milioni per la parte edile, più 770 mila euro per l’impiantistica e la parte meccanica), è stato necessario aggiungere 400mila euro per la bonifica con cerchiaggi in fibre di carbonio delle parti più ammalorate della struttura in calcestruzzo. Lavori a tempo di record, il cantiere è stato aperto a metà febbraio e si è concluso i primi di giugno, senza mai una sosta, con turni h24. E nonostante sia più illuminato di prima, consuma la metà, grazie alle opere di risparmio energetico. Con il nuovo impianto di risalita è stata smantellata anche la sala macchine in cima alla torre, che quindi potrebbe essere sfruttato come un nuovo spazio pubblico. I lavori sono stati affidati per la parte architettonica allo studio Brau degli architetti Sergio Roccheggiani e Marco Battistelli, per la parte edile allo studio di ingegneria Acale e diretti dall’ingegnere Andrea Mondini, mentre la parte impiantistica e meccanica è stata affidata all’azienda Serpilli Engeneering.

Come si presentava l’ascensore prima del nuovo look

L’area. Già negli anni ’50, al momento della sua progettazione da parte del Comune, (la realizzazione tra il 1952 e il 1953, l’inaugurazione il 24 maggio 1956) l’impianto di risalita aveva attirato le critiche degli anconetani e i distinguo della Soprintendenza, ma ormai l’ascensore è entrato nell’immaginario della città come una delle sue cartoline tipiche e allora il restyling dell’impianto di risalita vuole essere il segno del recupero dell’aspetto storico del Passetto. Il verde originale degli anni ’30, con l’abbattimento dei pioppi e la potatura delle siepi, le panchine in marmo, i bagni pubblici, le aiuole, infine nei prossimi mesi il recupero della zona della piscina, con il ritorno dell’acqua nei laghetti. “Quello dell’ascensore non è un progetto a sé, ma parte di un complessivo intervento di recupero della piazza sul mare della città” ha commentato l’assessore ai lavori pubblici Paolo Manarini.

L’inaugurazione del 1956

Una foto storica del Passetto degli anni ’30

 

Print Friendly, PDF & Email


© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page



X