facebook rss

Castelfidardo, asfaltata via Giolitti:
Osimo studia come convogliaci i tir

CAOS TRAFFICO - Allargata ed eliminate le buche sull'unica strada alternativa alla Statale 16 dopo il crollo del ponte in A14, grazie al contributo di Società autostrade sollecitato dal primo cittadino fidardense. Il sindaco Simone Pugnaloni convoca a palazzo comunale i colleghi Ascani e Del Bello. "Potremmo deviarci il traffico pesante" ipotizza
domenica 6 Agosto 2017 - Ore 11:01
Print Friendly, PDF & Email

Via Giolitti (ex via delle Industrie) riasfaltata dopo il crollo del ponte in A14

Il sindaco Roberto Ascani (foto Giusy Marinelli)

Lavori completati nei tempi previsti, via Giolitti (ex via delle Industrie), riaperta al traffico ieri mattina dopo l’intervento di sistemazione e bitumatura. La strada rappresenta l’unica valida alternativa alla Statale 16 per alleggerire il traffico nella zona interessata dal crollo del cavalcavia sull`autostrada A14 (leggi l’articolo). A darne l’annuncio il sindaco Roberto Ascani, che ha personalmente interpellato e discusso con la Società Autostrade per l’Italia per addivenire ad una soluzione efficace, veloce e senza oneri a carico del Comune. “Abbiamo riaperto al traffico Via Giolitti dopo un intervento di sistemazione e bitumatura. La strada costituisce l’unica valida alternativa alla Statale 16 per alleggerire il traffico sulla stazione di Osimo in attesa del ponte. – commenta il sindaco grillino di Castelfidardo, Roberto Ascani – Ho personalmente discusso con Autostrade per arrivare ad una soluzione efficace, veloce e senza costi per il comune e posso garantire che vista la burocrazia incontrata era obiettivamente impossibile fare prima. Ringrazio l’ing. Scotto Lavina di Autostrade e tutti i tecnici che hanno capito le nostre difficoltà e hanno fatto il possibile mentre aspetto ancora una chiamata di sostegno da parte degli enti referenti sulla viabilità. C’è ancora tempo. Aspetterò con la pazienza di un indiano d’America (consapevole della fine che hanno fatto)”.

L’assessore Romina Calvani

Anche l’assessore Romina Calvani, che in questi giorni ha seguito personalmente i lavori, indirizza un ringraziamento all’ingegnere Scotto Lavina che ha compreso le esigenze del territorio e superato le vicissitudini burocratiche e all’ufficio tecnico comunale che ha redatto il progetto consistente nella posa in opera di uno strato di conglomerato bitumoso di tipo binder per 1,2 km di lunghezza e cinque metri di larghezza. Via Giolitti è così percorribile a due corsie, grazie alla sistemazione delle banchine e del manto stradale pur rimanendo interdetta ai mezzi superiori a 3,5 tonnellate. La segnaletica è momentaneamente provvisoria ed alcune opere accessorie (dossi, guardrail e protezioni in alcuni tratti) verranno realizzati entro la fine del mese.

Il sindaco Simone Pugnaloni (foro Giusy Marinelli)

Il sindaco di Osimo, Simone Pugnaloni plaude “all’obiettivo raggiunto dal sindaco di Castelfidardo Ascani con la riasfaltatura di Via Giolitti” e ora punta e disegnare un percorso alternativo alla Statale 16, che taglio in due la frazione di Osimo Stazione, per il traffico pesante di camion e tir (leggi l’articolo). “Dopo la riunione congiunta tra sindaci (Osimo, Castelfidardo, Camerano) che c’era stata a Castelfidardo qualcosa di concreto si e’ mosso – spiega Pugnaloni- Ora propongo una riunione presso il Comune di Osimo per capire come rendere davvero utile l’asse via Giolitti -via Agnelli. Tutti coloro che transitano in via Giolitti rinnovata raggiungeranno poi il territorio di Osimo in zona industriale di Via Agnelli. Chissà se ad esempio potremmo deviare il traffico pesante proprio su questo nuovo tracciato, doppio senso o senso unico? Lunedì contatterò Ascani – anticipa il primo cittadino di Osimo – e ne parleremo insieme ai nostri tecnici ed alla Polizia locale. Speriamo poi parta presto la ricostruzione del ponte o che società Autostrade conceda l’autorizzazione alla deviazione gratuita in A14 del traffico pesante nel tratto Loreto-Ancona Sud/Osimo così che via Giolitti sia strada alternativa al centro abitato per tutti”.

Print Friendly, PDF & Email
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page



X