facebook rss

Inversioni sull’Asse Nord Sud:
«Aspettiamo un altro morto?»

LA LETTERA – Gli automobilisti continuano a denunciare la pericolosa manovra sulla bretella, nello stesso punto in cui è accaduto l'incidente mortale dello scorso maggio
martedì 19 settembre 2017 - Ore 20:31
Print Friendly, PDF & Email

L’incidente mortale dello scorso maggio, foto d’archivio

Inversioni di marcia lungo l’Asse Nord Sud, continuano le denunce degli automobilisti che chiedono al Comune di intervenire per impedire la pericolosa manovra. Lo scorso maggio l’ultimo incidente mortale, in cui ha perso la vita il finanziere Claudio Di Matteo. Lo scontro sarebbe stato causato proprio dalla manovra di inversione del senso di marcia compiuta dall’automobilista al volante, poi indagata per omicidio stradale. Dal lettore Gerardo De Angelis riceviamo l’ultima segnalazione inoltrata al Comune per chiedere di intervenire sui varchi aperti lungo l’Asse Nord Sud:

“Sono Gerardo De Angelis, un cittadino residente ad Ancona, e vorrei che questa mail sia recapitata direttamente al sindaco avv. Mancinelli. Non è la prima volta che scrivo al Comune per segnalare la questione in oggetto ma purtroppo sino ad oggi non ho ricevuto alcun riscontro né tanto meno è stato affrontato il problema da me segnalato. Sabato sera (9 settembre, ndr), poco dopo la mezzanotte, rientravo da Porto Recanati e mi sono fermato a fare rifornimento sull’asse nord-sud presso il distributore di benzina Ankoil (in direzione centro). Mentre facevo rifornimento ho sentito diverse auto suonare il clacson insistentemente e ciò ha attirato la mia attenzione. Mi sono girato in direzione dell’asse ed ho visto un’auto effettuare una manovra vietata, pericolosissima per la circolazione. Un automobilista ha effettuato l’inversione di marcia utilizzando uno dei varchi presenti sullo spartitraffico, in pratica si è fermato sulla corsia di sorpasso in direzione centro ed ha svoltato in direzione Baraccola invadendo la corsia di marcia opposta. Gli automobilisti che sopraggiungevano in entrambe le direzioni hanno usato il clacson con insistenza per farsi notare. Per fortuna non è successo nulla ma ritengo che tale episodio sia emblematico della pericolosità a cui sono soggetti tutti coloro che percorrono l’asse. Perché il Comune non installa dei dispositivi fisici che impediscano agli automobilisti indisciplinati di effettuare tali manovre? E’ così complesso installare delle catenelle che impediscano di effettuare una manovra così pericolosa?”

Incidente mortale sull’Asse Foresi: “La strada è a norma, manca il rispetto delle regole”

Print Friendly, PDF & Email
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page



X