facebook rss

Il Barbiere di Siviglia targato Rof
e in stile anni ’50 diverte le Muse

LIRICA – Il regista Mazzoni vince la scommessa del cast giovane e quasi interamente dell'Accademia Alberto Zedda del Rossini Opera Festival. Scene e costumi ispirati al dopoguerra e dal sapore Mediterraneo per una interpretazione fisica e frizzante che chiude il cartellone lirico in due titoli del Massimo dorico
sabato 14 Ottobre 2017 - Ore 15:53
Print Friendly, PDF & Email

Gurgen Baveyan (Figaro) e Xabier Anduaga (Conte d’Almaviva)

di Adriana Malandrino

Punta tutto sulla freschezza, e sulla giovinezza degli interpreti, il regista marchigiano Matteo Mazzoni per mettere in scena un Barbiere di Siviglia spigliato e scorrevole. Scene e costumi anni ’50, con significative citazioni dal cinema di quell’epoca, quelle volute dall’esperto Lucio Diana che, con il suo tocco, arricchisce e contestualizza la messa in scena. E tra una Rosina che si stappa una coca-cola e un Figaro che fa di un sidecar la sua bottega, elementi di scena originali d’epoca e carta da parati con decorazioni in stile, si apprezza la direzione del Maestro José Miguel Perez-Sierra, pupillo di Alberto Zedda, al quale questo Barbiere è stato dedicato. L’opera buffa in due atti di Rossini, secondo e ultimo titolo della stagione d’opera anconetana, piace agli spettatori e fa il suo primo ingresso al Teatro delle Muse dopo la riapertura. Voci convincenti per un cast giovane e internazionale: come quella del basco Xsabier Anduaga, il Conte di Almaviva, della romena Martiniana Antonie, Rosina e dell’armeno Gurgen Baveyan che, generosamente, si spendono anche per una convincente interpretazione fisica del ruolo, particolare che dona ritmo alla serata. Applauditi anche il Don Bartolo di Pablo Ruiz, il Don Basilio di Baurzhan Anderzhanov, la Berta di Giorgia Paci e Fiorello interpretato da William Hernandez. Fanno la loro parte anche l’Orchestra Sinfonica “G. Rossini” e il Coro Lirico Marchigiano “V. Bellini” diretto da Carlo Morganti. Si replica domenica 15 ottobre alle 16 (biglietteria 071 52525, biglietteria@teatrodellemuse.org).

Il Barbiere di Siviglia più giovane, per la prima volta alle Muse

Print Friendly, PDF & Email
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page



X