facebook rss

Pittrice scomparsa, i vicini di casa:
«Mai sentita parlare
del figlio e dell’ex marito»

ANCONA – I vicini di via della Pescheria, dove abita la pittrice, parlano di una donna riservata che dedica la maggior parte delle sue giornate divisa tra la chiesa e la pittura. Al condomini non aveva detto nulla della sua partenza per l'Abruzzo. «Non toccava mai la questione famiglia»
venerdì 3 novembre 2017 - Ore 18:23
Print Friendly, PDF & Email

Il portone di via della Pescheria

 

di Federica Serfilippi

Una donna riservata, a volte schiva, che non ama parlare della sua famiglia. Credente, sì, ma non così tanto da toccare livelli estremi. È questo il ritratto che fanno di Renata Rapposelli, la pittrice scomparsa lo scorso 9 ottobre, i suoi vicini di casa, inquilini del palazzo di via della Pescheria, dove la 64enne si era trasferita un paio di anni fa dopo aver vissuto in via Ruggeri e lavorato per un po’ come autista della navetta interna all’ex Crass, a disposizione degli utenti. Quello sarebbe stato il suo ultimo impiego. Poi, più niente. Fino al giorno in cui si sono perse le tracce, Reny faceva comunque una vita regolare, dedicata al mondo dell’arte e della religione. Da poco, aveva ottenuto l’assegno di mantenimento del valore di 200 euro dall’ex marito Giuseppe, ora indagato per concorso in omicidio e occultamento di cadavere assieme al figlio Simone (leggi l’articolo). «Tutte le mattine – racconta Renzo Pellegrini – si recava nella chiesa di San Domenico per dire una preghiera. È una persona molto tranquilla e gentile, forse era un po’ cambiata dopo un furto subito qualche mese fa. A una riunione di condominio, si era lamentata che qualcuno si era intrufolato in casa e le aveva portato via dei quadri. Così, aveva deciso di cambiare la serratura». Quella serratura che verrà poi schiantata da vigili del fuoco e dai carabinieri dopo la denuncia di scomparsa. Nell’appartamento al primo piano dove vive la pittrice è stato trovato tutto in ordine durante il sopralluogo. Non manca nulla. Ci sono persino i documenti e altri effetti personali. «Della famiglia – continua il vicino – non l’ho mai sentita parlare. Qualcuno del palazzo ha detto di aver visto qualche volta la figlia (abita a Osimo, ndr) venire a trovarla. Del marito e del figlio non si è mai saputo nulla. Non aveva neanche detto che sarebbe andata in Abruzzo». La sua passione, la pittura. «Passa il tempo a dipingere in casa, con la musica accesa». Dal giorno della sparizione, a casa di Reny è rimasto tutto uguale. Nella cassetta della posta c’è ancora una lettera inviata dalla banca. Chissà se la pittrice riuscirà mai a ritirarla. «È una persona molto riservata, bella – ricorda Gaetano Curri, l’inquilino del secondo piano – ma qualche volta ci siamo messi a parlare della sua vita e della pittura. Mi ha detto che ha una  figlia, ma non è mai entrata nei dettagli. Cosa le è successo? no lo so, ma siamo tutti in pensiero».

Print Friendly, PDF & Email
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page



X