facebook rss

Torna a casa e si trova
faccia a faccia con il ladro:
«Mi ha puntato un cacciavite contro»

ANCONA - Un 37enne ha pizzicato un bandito mentre cercava di arrampicarsi lungo le grondaie di un palazzo di via Ungaretti, alle Tavernelle. "Non ho preso niente, stai tranquillo" gli ha detto il malvivente prima di minacciarlo con l'utensile e fuggire via a mani vuote in direzione dell'Inrca. Potrebbe essere uno dei componenti della banda che ha messo sotto scacco la città nell'ultimo mese
Print Friendly, PDF & Email

Alcune scene dalla quarantina di furti messi a segno in città nell’ultimo mese: cassaforte smurata, infissi divelti, appartamenti a soqquadro

“Sono arrivato davanti al portone di casa e ho visto un ladro che stava cercando di arrampicarsi lungo la grondaia. L’ho rincorso e mi ha puntato un cacciavite contro, poi è scappato”. È il racconto di un 37enne anconetano residente in via Ungaretti, quartiere Tavernelle, che ieri sera si è trovato faccia  a faccia con un bandito mentre cercava una via d’accesso per entrare negli appartamenti del palazzo dove abita il dorico, pronto a svaligiarli. Il ladro, “alto 1 metro e 60, magro con giubbotto nero, jeans e un profondo accento dell’est”, potrebbe essere uno dei componenti della famigerata gang che in tre settimane si è resa protagonista di oltre 40 furti messi a segno in tutti i quartieri della città, ai danni di appartamenti e attività commerciali. «Attorno alle 19 – racconta l’anconetano – sono arrivato a casa con l’auto, accompagnato da un amico. Subito, ho visto un ragazzo molto giovane, sui 20 anni, che cercava di arrampicarsi lungo le grondaie che si trovano a pochi passi dal portone d’ingresso del palazzo. Quando ha capito che qualcuno lo aveva beccato, si è rifugiato dietro a una siepe. L’ho rincorso e me lo sono ritrovato davanti. Mi ha detto: “ Non ti ho portato via niente, stai tranquillo”. Poi, mi ha puntato un cacciavite contro e se ne è andato in direzione dell’Inrca, scappando a piedi. Non ho fatto caso se nei dintorni ci fosse qualche complice. Il mio condominio, comunque, non è stato toccato. Con alcuni residenti abbiamo anche fatto de giri per il quartiere, ma non abbiamo trovato nessuno”. A raccogliere la segnalazione del tentato furto, le Volanti della polizia.

I ladri acrobati colpiscono ancora: furti in casa e al ristorante dell’Ata Si cerca nei video delle spycam

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page



X