facebook rss

Ville e palazzi pagati con i soldi riciclati
scatta il sequestro della finanza

ANCONA - I finanzieri del gruppo di investigazione criminalità organizzata hanno posto i sigilli agli immobili di un pluripregiudicato condannato per ricettazione, truffa, associazione a delinquere finalizzata al riciclaggio e bancarotta
lunedì 22 Gennaio 2018 - Ore 17:12
Print Friendly, PDF & Email

 

Ville, terreni e un palazzo storico pagati con i soldi frutto dell’attività criminale, la Guardia di finanza di Ancona ha sequestrato beni per un valore totale di 5,6 milioni di euro. I finanzieri del Nucleo di polizia economico-finanziaria di Ancona, hanno sottoposto a sequestro gli immobili di un pluripregiudicato, più volte condannato in via definitiva per i reati di ricettazione, associazione per delinquere finalizzata al riciclaggio, truffa e bancarotta. Il sequestro è stato eseguito in esecuzione di una misura di prevenzione a carattere patrimoniale disposta dal Tribunale di Ancona – Ufficio Misure di prevenzione, secondo il codice delle Leggi Antimafia, ed ha riguardato un considerevole patrimonio immobiliare costituito da fabbricati e terreni, tra cui due ville di pregio ed un edificio storico, nelle province di Ancona e Pesaro. La misura di prevenzione eseguita dai militari del gruppo investigazione criminalità organizzata di Ancona agli ordini del tenente colonnello Claudio Di Luca, si inserisce nelle attività di aggressione ai patrimoni accumulati  in modo illecito da “soggetti socialmente pericolosi”.

Operazione ‘Aspromonte’, le Fiamme Gialle sequestrano beni per 700 mila euro (Video)

Print Friendly, PDF & Email
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page



X