facebook rss

Esalazioni raffineria,
la procura nomina un consulente
Due le ipotesi di reato

FALCONARA - Si tratta di un ingegnere specializzato in campo ambientale. Entro sessanta giorni dovrà presentare al pm Irene Bilotta una relazione in cui verranno presi in esame i disagi accaduti a partire dallo scorso giovedì. Sul fascicolo, due ipotesi accusatorie: lesioni colpose e getto pericoloso di cose. Stasera, assemblea pubblica tra i cittadini
Print Friendly, PDF & Email

I controlli del 12 aprile alla raffineria

 

Un ingegnere specializzato in campo ambientale per chiarire la dinamica dell’incidente accaduto lo scorso giovedì al serbatoio TK61 e rilevare l’impatto delle emissioni di benzene nell’aria. Sono solamente alcuni dei quesiti posti dal pm Irene Bilotta al perito che entro 60 giorni, salvo richieste di proroghe, dovrà svelare quanto accaduto all’Api il 12 aprile, aprendo giorni di passione per tutti i falconaresi, alle prese con cattivi odori per quasi una settimana. Il consulente, docente universitario, è stato nominato dopo l’apertura di un fascicolo da parte della procura. Due le ipotesi di reato: getto pericoloso di cose, come indicato dai carabinieri della Tenenza di Falconara dopo le denunce di oltre 700 cittadini, e lesioni colpose. Per ora, l’inchiesta non presenta alcun indagato. Spetterà al consulente ravvisare eventuali responsabili, sia per quanto riguarda l’inconveniente al serbatoio, sia per capire se è stato fatto tutto il possibile per evitare le esalazioni che hanno tenuto sotto scacco i falconaresi. Il perito avrà 60 giorni per presentare al pm Bilotta, titolare del fascicolo, una relazione tecnica. Sono già state acquisite le rilevazioni dell’Arpam effettuate per analizzare la qualità dell’aria. Nei giorni prossimi, verrà eseguito un sopralluogo all’interno della raffineria. Dopo la commissione ambiente di ieri, a cui hanno partecipato centinaia di cittadini e gli enti che finora hanno gestito i disagi, oggi i falconaresi si riuniranno in un’assemblea pubblica dalle ore 21,15 presso i locali dell’ex cinema Sport, in via Marsala 23.

(Fe. Se.)

Esalazioni raffineria, la procura apre un’inchiesta Oltre 700 le denunce

Sostieni Cronache Ancona

Cari lettori care lettrici,
da diverse settimane i giornalisti di Cronache Ancona lavorano senza sosta, per fornire aggiornamenti precisi, affidabili e gratuiti sulla emergenza Coronavirus. In questa situazione Ca impiega tutte le sue forze, dando lavoro a tanti giovani, senza ricevere un euro di finanziamenti pubblici destinati all’editoria. Riteniamo che in questo momento l’informazione sia fondamentale perciò la nostra redazione continua a lavorare a pieno ritmo, più del solito, per assicurare un servizio puntuale e professionale. Ma, vista la situazione attuale, sono inevitabilmente diminuiti i contratti pubblicitari che ci hanno consentito in più di undici anni di attività di dare il meglio.
Se apprezzi il nostro lavoro, da sempre per te gratuito, ti chiediamo un piccolo contributo per supportarci in questo momento senza precedenti.
Grazie

Puoi donare un importo a tua scelta tramite bonifico bancario, carta di credito o PayPal

Per il Bonifico Bancario inserisci come causale "erogazione liberale"
IBAN: IT49R0311113405000000004597
CODICE SWIFT: BLOPIT22
Banca: UBI Banca S.p.A
Intestatario: CM Comunicazione S.r.l


© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page