facebook rss

Dai fondi europei 5 milioni
per rimettere in sesto il Rettorato

ANCONA – Adeguamento sismico e risparmio energetico, 28 milioni complessivamente per migliorare gli atenei marchigiani, nel capoluogo i finanziamenti andranno per la ristrutturazione della sede di piazza Roma
Print Friendly, PDF & Email

Il Rettorato

A destra, il rettore Sauro Longhi, con i colleghi Unimc, Unicam e UniUrb e il presidente Ceriscioli per la presentazione dei progetti finanziati con fondi Fesr

 

Fondi europei per l’adeguamento sismico e l’efficientamento energetico, dalla Regione arrivano 28 milioni per migliorare gli atenei marchigiani. L’Univpm impiegherà 5 milioni di questi fondi per recuperare il Rettorato di piazza Roma. Le risorse fanno parte del finanziamento complessivo dell’Asse 8 del Por Marche Fesr (Fondo europeo di sviluppo regionale) 2014/2020 pari a 248 milioni di euro aggiuntivi stanziati dall’Ue e dallo Stato per favorire la rinascita delle zone terremotate marchigiane e dare nuovo impulso alla crescita dell’intera regione. “Il criterio – ha spiegato il governatore Luca Ceriscioli – è stato quello di guardare a tutto il sistema dando un’immagine complessiva delle Marche che investono nelle Università e in modo particolare nell’area del cratere, su Camerino e Macerata, che essendo state colpite dal sisma, possono godere di risorse straordinarie per rilanciare le loro attività. Abbiamo la necessità e la volontà di reagire in modo forte, è di oggi l’ultima scossa, ma pensiamo ad intervenire anche sui quegli edifici che, pur non danneggiati direttamente dal sisma, se riqualificati  sotto il profilo energetico e antisismico, trasmettono un’idea più generale di una Regione che sta contribuendo a  riqualificare tutto il suo patrimonio. Le Università sono il centro strategico della vita della Regione non solo in termini di ricerca, formazione, investimenti”. “Un’azione di sistema – ha concluso il Rettore di Ancona Longhi – per opere di interesse pubblico che si aggiunge al contributo Erdis (Ente regionale per il diritto allo studio) finalmente ente unico, di 8 milioni di euro annunciato una settimana fa. Grazie a questo nuovo cofinanziamento potremo restituire alla città e agli studenti lo spazio del Rettorato con una galleria aperta e dedicata ai giovani al centro di Ancona collegato ad un progetto di recupero e di nuovi studentati”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page



X