facebook rss

Caporalato nei cantieri edili:
due denunciati per sfruttamento

JESI - Richiedenti asilo impiegati in nero come muratori, i carabinieri hanno scoperto e denunciato due imprenditori. Nella rete dei controlli dei carabinieri della compagnia di Jesi sono incappati anche un ricercato per furto dal 2011 e due persone in guida in stato di ebrezza
Print Friendly, PDF & Email

La caserma dei carabinieri di Corso Matteotti a Jesi

Vasta operazione di controllo del territorio da parte dei carabinieri della compagnia di Jesi che hanno denunciato due persone a Staffolo per sfruttamento del lavoro nero, arrestato un latitante a Montecarotto e denunciato due persone per guida in stato di ebrezza.
 A Staffolo, i carabinieri sotto la guida del luogotenente Pasquale Cerfolio hanno ispezionato un cantiere edile, scoprendo che 4 operai, di cui 3 extracomunitari richiedenti asilo, erano stati reclutati in condizioni di sfruttamento, senza un contratto di lavoro e senza che venissero muniti dei dispositivi di protezione individuale, violando così l’articolo 603 bis del codice penale (intermediazione illecita e sfruttamento del lavoro e reclutamento di manodopera in condizioni di sfruttamento). Per questo sono stati denunciati un uomo di 41 anni ed una donna di 55 anni, rispettivamente della Vallesina e di Ancona.
I carabinieri di Montecarotto, invece, hanno scovato e arrestato un latitante, ricercato dal 2011. Durante i controlli sul territorio per la prevenzione e la repressione di furti, i militari, sotto la direzione del luogotenente Daniele Fabiani, sono stati insospettiti da un’autovettura in un frazione isolata. Fermati e controllati i 4 occupanti a bordo, tutti di nazionalità romena. Dalle verifiche è emerso che tutti erano gravati da numerosi precedenti penali, mentre a carico di uno di loro, S.B. 35enne residente ad Ancona, era pendente un ordine di carcerazione per una pena definitiva di anni 2 e mesi 4 di reclusione, emesso dalla procura di Ancona nel 2010 per reati contro il patrimonio commessi su tutto il territorio nazionale tra il 2007 ed il 2010. L’arrestato, condotto in caserma, dopo gli  accertamenti e le formalità di rito, è stato recluso a Montacuto, mentre nei confronti degli altri soggetti veniva inoltrata proposta di Foglio di via obbligatorio dal comune di Montecarotto.
I carabinieri del radiomobile, invece, hanno denunciato un uomo ed una donna per guida in stato di ebrezza alcolica, provvedendo a ritirare loro la patente.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page



X