facebook rss

Falconara al voto:
sarà ballottaggio tra Signorini e Luchetti

VOTO – Terza riedizione consecutiva del match tra liste civiche e centrosinistra, stavolta però è forte il terzo incomodo di Cittadini in Comune
lunedì 11 giugno 2018 - Ore 01:52
Print Friendly, PDF & Email

Da sinistra in alto in senso orario: Loris Calcina, Stefano Caricchio, Massimo Marcelli Flori, Bruno Frappiccini, Stefania Signorini, Matteo Marinacci

Aggiornamento delle 9.05: Delusione M5S, il Carroccio non tira, la sorpresa sono i comitati cittadini, Falconara sceglie per la terza volta consecutiva lo scontro diretto tra le liste civiche di centrodestra e il candidato sindaco del Pd. Alle 5.14 sono definitivi i dati, con 27 sezioni scrutinate, e confermano il trend: sarà ballottaggio tra Stefania Signorini e Marco Luchetti. Signorini è in testa con 4.221 preferenze, il 35,2%, insegue Luchetti con 2.912 voti, il 24,3%. Ma il vero exploit è dei movimenti direttamente collegati ai comitati cittadini che da anni si battono contro l’inquinamento, ovvero il candidato sindaco Loris Calcina che ha raccolto 2.034 voti, il 16,97%, con le liste Siamo Falconara e Cittadini in Comune, poteva ambire ad essere lui lo sfidante del secondo turno. Se infatti il risultato è una riproposizione del ballottaggio del 2008 (Brandoni – Lodolini) e del 2013 (Brandoni – Mastrovincenzo), stavolta i numeri in campo sono davvero diversi: Signorini perde quasi 2mila voti rispetto al sindaco Brandoni del primo turno del 2013, e anche Luchetti vede circa 1.500 preferenze in meno rispetto a Mastrovincenzo. A seguire, c’è il candidato sindaco del M5S Bruno Frapiccini con 1.263 voti (500 in più del 2013) pari al 10,5%, poi Stefano Caricchio per la Lega con 1.001 schede, l’8,35%, Massimo Marcelli Flori per Falconara a Sinistra con 332 voti, il 2,7% e chiude Matteo Marinacci per Insieme Civico con 216 voti, l’1,8%

Ore 3.56: Sarà ballottaggio tra Signorini e Luchetti. Quando mancano appena due sezioni da scrutinare, i risultati di 25 seggi su 27 confermano la sfida tra il vicesindaco uscente delle liste civiche Stefania Signorini e il candidato del Pd Marco Luchetti. Signorini è avanti con 3.847 preferenze, pari al 34,8%. Luchetti segue distaccato di 10 punti percentuali, con 2.712 voti, il 24,6%. Terzo, a sorpresa, l’exploit dei comitati civici con Loris Calcina, con 1,887 preferenze, il 17%, quarto il M5S con Bruno Frapiccini al 10,4% con 1.148 preferenze, poi Stefano Caricchio (Lega), con l’8.43% e 930 voti, Massimo Marcelli Flori per Falconara a Sinistra con 294 voti, il 2,6% e infine Matteo Marinacci per Insieme Civico con 205 schede, l’1,85%. Si profila dunque per la terza volta consecutiva lo stesso scenario al ballottaggio per Falconara: le liste civiche a confronto con il candidato del centrosinistra. Per due volte Brandoni ha vinto, prima contro Lodolini e poi con Mastrovincenzo, i precedenti giocano a favore di Signorini, ma le forze di entrambi gli schieramenti sembrano nettamente ridotte rispetto alle tornate elettorali del 2013 e 2008, e questa volta può giocare un ruolo determinante la terza forza di Cittadini in Comune, in una campagna elettorale fortemente segnata dal tema dell’inquinamento e dell’incidente della Raffineria dello scorso 12 aprile che ha portato all’avvio di una indagine da parte della procura di Ancona.

Aggiornamento delle 2.12: L’outsider Loris Calcina viaggia verso il circa 18% e commenta il risultato parziale.  “Un voto che premia il lavoro della squadra del collettivo durante la campagna elettorale e anche in Consiglio comunale” commenta Calcina. Premiata soprattutto la battaglia contro l’inquinamento. “Lavoro di denuncia ma anche di proposta che è stato apprezzato da parte dei cittadini – aggiunge Calcina -.  Nostra consigliera ha scavalcato amministrazione uscente mandando segnalazioni ai Ministeri. Siamo diversi dalle forze che sono in calo. Il ballottaggio? Ci vedremo già domani sera cominceremo a discutere tra di noi, come collettivo abbiamo sempre fatto così, decisione sarà presa insieme. Accordi o apparentamenti, non possiamo dire nulla per ora”.

***

Nella corsa a sette per il Castello di Falconara, Stefania Signorini guida davanti a Marco Luchetti. Il vicesindaco uscente delle liste civiche raccoglie 1.489 voti pari al 35,5% nelle prime 9 sezioni scrutinate su 27, segue il candidato del Pd Marco Luchetti con 24,97% pari a 1.046 voti, terzo il candidato dei comitati Loris Calcina con 17,7%, quarto il M5S Bruno Frapiccini con il 9,57%, poi Stefano Caricchio (Lega), 7,06%, Massimo Marcelli Flori (Falconara a Sinistra) al 3,86%, conclude Matteo Marinacci (Insieme Civico) all’1,24%. “Ballottaggio pare cosa chiara – il commento a caldo di Luchetti -. Speravamo di più per quanto riguarda la nostra coalizione, questa la meta che ci eravamo prefissi. Tenuta interessante da parte della Signorini. Tutti si chiedono accordo con Calcina? Io sono disponibile, siamo pronti a stare insieme. O si sta insieme o non si vince” conclude Luchetti lanciando un appello ai comitati civici per “per cambiare questa amministrazione”. Stefania Signorini invece si dichiara “molto contenta di questo risultato che esprime la valutazione positiva da parte dell’elettorato. Al momento non c’è partner, ma diversi scenari da indagare per ballottaggio. Brandoni che posto avrà? Questo tutto da definire, in questo momento il disegno futuro è da realizzare. Mi godo questo momento positivo, l’appello per il ballottaggio è di partecipare e votare”

Falconara conferma l’affluenza del 2013: 64% al voto

Print Friendly, PDF & Email
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page



X