facebook rss

Delitto di Chiaravalle, Emma
ha lottato contro il suo assassino
Sequestrato un coltello

INDAGINI - La lama sarebbe stata trovata in cucina, nella stanza dove l'85enne ha perso la vita, e ora verrà analizzata per avere la certezza che si tratti dell'arma del delitto. L'autopsia ha rilevato come sul corpo della donna siano presenti vari fendenti, alcuni dei quali al torace e alle mani. L'ipotesi è che si sia difesa fino alla fine
Print Friendly, PDF & Email

I Ris di Roma davanti alla palazzina di via Verdi

 

Emma Grilli si è opposta fino alla fine ai colpi inferti dal suo assassino. A farlo pensare sono le numerose ferite d’arma da taglio riscontrate dagli accertamenti autoptici eseguiti questa mattina all’istituto di Medicina Legale di Torrette dal dottor Marco Valsecchi. L’anziana sarebbe morta per un colpo secco inferto alla gola, come riscontrato in un primo momento. Ma sul suo corpo non manca il segno di altre ferite. Sarebbero state trovati sul torace, sul collo (almeno 4 colpi) e anche sulle mani. Dunque, la donna avrebbe cercato di difendersi in tutti e modi dall’aggressione del killer che, probabilmente, ha iniziato a colpirla da dietro, quando Emma era più vulnerabile. Nelle scorse ore, sotto sequestro è finito un coltello da cucina ritrovato proprio nella stanza dove è stato rinvenuto il cadavere della vittima. L’arma era appoggiata su un mobiletto e presenta alcuni schizzi di sangue. A campionarlo, i carabinieri dei Ris di Roma che questa mattina hanno terminato di eseguire i rilievi all’interno dell’appartamento di via Verdi. Sarebbe l’arma del delitto. Ma per confermare le ipotesi serviranno altri accertamenti che verranno effettuati dal Reparto Scientifico. Il fascicolo aperto per omicidio volontario dal pm Paolo Gubinelli è ancora contro ignoti.

Omicidio di Chiaravalle, nessun segno di scasso: Emma ha aperto la porta al killer

Anziana morta sgozzata, si indaga per omicidio (Video)

Print Friendly, PDF & Email


© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page