facebook rss

Maxi operazione antidroga,
smascherata una gang pugliese:
un arresto anche al Piano

INCHIESTA - Sono dodici le misure cautelari emesse dal tribunale di Taranto per fermare una gang dedita allo spaccio nella città pugliese. Un presunto componente della banda è stato stanato in un appartamento di piazzale Loreto. Si tratta di un 43enne pluripregiudicato. L'uomo è stato arrestato questa mattina all'alba dagli uomini della Squadra Mobile
venerdì 14 Settembre 2018 - Ore 18:12
Print Friendly, PDF & Email

foto d’archivio

 

Traffico di droga a Taranto, arrestate dodici persone: una si nascondeva in un appartamento di piazzale Loreto. Si tratta di Christian Labonia, classe 1975 e pluripregiudicato. L’uomo, tarantino, è finito in carcere a Montacuto dopo l’emissione dell’ordinanza di custodia cautelare firmata dal gip pugliese. Stando alle accuse,  farebbe parte di un’organizzazione criminale dedita allo spaccio di hashish, marijuana, cocaina ed eroina. Le indagini della polizia hanno permesso di accertare centinaia di cessioni di droga al giorno anche mediante l’uso di panieri calati dagli spacciatori dai balconi delle loro abitazioni con uso di funi, oppure attraverso le inferriate di cancellate e ringhiere di altrettante abitazioni collocate ai piani terra. La maggior parte delle cessioni sarebbe avvenuta nella città vecchia di Taranto. La maxi operazione portata avanti dalla polizia pugliese e denominata “Bazar” è iniziata questa notte. All’alba, il blitz al Piano della Squadra Mobile anconetana su delega della procura tarantina.  I poliziotti sono piombati a casa del 43enne quando stava ancora dormendo con la sua compagna nei confronti della quale sono in corso accertamenti. L’uomo,  secondi i sospetti, faceva parte della struttura apicale dell’organizzazione. Non si esclude che potesse trovarsi ad Ancona per permettere alla gang criminale di penetrare nel mercato dorico dello spaccio di stupefacenti. L’uomo è stato collocato in carcere a Montacuto a disposizione dell’autoritá giudiziaria.

Print Friendly, PDF & Email
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page



X