facebook rss

Ruba un furgone e scappa:
ladro braccato dopo un inseguimento
da film in autostrada

CAMERANO - In arresto c'è finito un 25enne barese pregiudicato accusato di essersi impossessato di un Iveco con dentro alcuni attrezzi da carpenteria. Il mezzo è stato intercettato a Fano, ma è stato braccato definitivamente all'altezza di Ancona sud con l'ausilio delle pattuglie di tre diversi compartimenti della Polstrada. Il pugliese ha tentato anche una fuga a piedi
venerdì 14 Settembre 2018 - Ore 18:44
Print Friendly, PDF & Email

Foto d’archivio

 

Ruba un furgone, entra in A14 e viene braccato dagli agenti della Polstrada. Scappa con il piede puntato sull’acceleratore per circa 30 chilometri e alla fine abbandona il veicolo in mezzo all’autostrada per  fuggire a piedi: arrestato un barese di 25 anni. Le manette sono scattate questa notte, attorno alle 3.30, dopo un inseguimento partito da Senigallia e conclusosi all’altezza del casello di Ancona sud. Il giovane è finito a Montacuto con l’accusa di furto aggravato. Domattina la direttissima in tribunale. Ad operare sono stati gli agenti della Polstrada di Ancona, Pesaro e Porto San Giorgio. Il 25enne è stato agganciato all’altezza di Fano. In A14 c’era entrato dopo aver rubato un Daily Iveco da un parcheggio di Ravenna. In un primo momento, gli agenti lo hanno tampinato, standogli alle calcagna. Poi, verso Senigallia, il pugliese ha accelerato a dismisura tentando di disfarsi delle pattuglie. A quel punto è partito l’inseguimento lungo la corsia sud dell’A14, quasi deserta questa notte. Durante l’operazione non è stato coinvolto alcun mezzo anche grazie all’operato della Polstrada. La fuga per il 25enne si è interrotta all’altezza del casello di Ancona sud. Il 25enne, messo alle strette, ha abbandonato il furgone in mezzo alla carreggiata e si è dato alla fuga a piedi. Prima che potesse lasciare l’autostrada sono intervenuti i poliziotti, stringendogli le manette ai polsi. Il furgone, con dentro alcuni articoli edili, è stato restituito alla ditta proprietaria, con sede a Ravenna. Il valore del bottino, arnesi e mezzo, ammonta a circa 50 mila euro.

Print Friendly, PDF & Email
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page



X