facebook rss

Quasi 200 giovani atleti
per difendere i colori delle Marche
al Trofeo Coni di Rimini

ANCONA - L'in bocca al lupo del presidente del Comitato regionale Fabio Luna e del presidente Luca Ceriscioli alla delegazione marchigiana in partenza per la competizione nazionale, la più importante a livello giovanile organizzata dal Coni, che ne 2017 si tenne a Senigallia
martedì 18 Settembre 2018 - Ore 14:26
Print Friendly, PDF & Email

da sx il presidente della Regione Marche, Luca Ceriscioli, il vicepresidente del Coni Marche e capodelegazione al Trofeo Coni, Giovanni Torresi, il presidente del Coni Marche, Fabio Luna

 

L’in bocca al lupo del presidente del Coni Marche, Fabio Luna, ai ragazzi in partenza per il Trofeo Coni

 

Un team di 200 persone tra giovani atleti ed accompagnatori pronto a difendere i colori delle Marche. È la delegazione marchigiana che si appresta a partire alla volta di Rimini per  V edizione de Trofeo Coni. Dal 20 al 23 settembre i 185 campioni in erba (10-14 anni) si fronteggeranno in 35 specialità sportive diverse sui campi della località romagnola. E le Marche arriveranno a Rimini dopo aver ospitato lo scorso anno in casa, a Senigallia, la IV edizione della manifestazione, la più importante per il Coni per il settore giovanile e per la promozione sportiva. Per questo il presidente del Coni Marche, Fabio Luna, insieme a quello della Regione, Luca Ceriscioli, hanno voluto fare il loro personale “in bocca al lupo” ai giovani in partenza, alla sala “Terzo Censi” al PalaRossini. «Non potevano non fare il nostro in bocca al lupo a voi ragazzi in partenza per questa manifestazione che è la più importante a livello giovanile che il Coni organizza – le parole del presidente Luna –. Una mini Olimpiade che punta alla crescita del movimento sportivo».

Dopo aver ufficialmente aperto il Trofeo lo scorso anno a piazza Garibaldi, a Senigallia, il presidente delle Marche, Ceriscioli, ha fatto oggi il suo in bocca al lupo ai ragazzi dalla sala Censi. «Vivo questo momento come un passaggio di testimone. Come Regione crediamo nello sport, perché lo sport può essere praticato da tutti, perché ci fa vivere meglio ed in salute, perché costruisce una società sana e restituisce cento volte quello che diamo. Sono certo che Rimini sarà una bella esperienza, di quelle che si ricordano per sempre. Siate amici dei vostri competitori, ma spietati sul campo di gara, perché la lealtà è anche questa: dare il meglio di sé».

Dopo aver ufficialmente aperto il Trofeo lo scorso anno a piazza Garibaldi, a Senigallia, il presidente delle Marche, Ceriscioli, ha fatto il suo in bocca al lupo ai ragazzi dalla sala Censi. «Vivo questo momento come un passaggio di testimone. Come Regione crediamo nello sport, perché lo sport può essere praticato da tutti, perché ci fa vivere meglio ed in salute, perché costruisce una società sana e restituisce cento volte quello che diamo. Sono certo che Rimini sarà una bella esperienza, di quelle che si ricordano per sempre. Siate amici dei vostri competitori, ma spietati sul campo di gara, perché la lealtà è anche questa: dare il meglio di sé».

Partenza prevista per giovedì 20 settembre alle 12:30 dal piazzale del PalaRossini ad Ancona per i 185 atleti che hanno superato le fasi regionali e che ora avranno la possibilità di confrontarsi con i campioni delle altre realtà nazionali, e per i loro 41 accompagnatori a cui si aggiungono il presidente ed il vicepresidente del Coni Marche, Fabio Luna e Giovanni Torresi, che è anche capodelegazione.
Quarantacinque (36 Federazioni, 9 Discipline associate) gli sport rappresentanti a livello nazionale, 35 quelli in cui saranno presenti le squadre marchigiane, (28 Federazioni e 7 Discipline). Un momento di sana competizione, ma anche un momento educativo per i ragazzi e di confronto per gli operatori sportivi delle regioni, soprattutto in tema di promozione e programmazione dell’attività sportiva di base. Del resto, proprio con questo spirito, quattro anni fa, è stata avviata l’esperienza del Trofeo Coni, nata dalla volontà di valorizzare lo sport giovanile under 14 e lo stare insieme.

A ripercorrere le precedenti quattro edizioni del Trofeo: Caserta, Lignano Sabbiadoro, Cagliari e Senigallia, il vicepresidente del Coni Marche, Giuseppe Scorzoso. Ricchi sono stati i medaglieri che negli anni hanno conquistato le Marche. Quattordici quelle vinte nel 2014 quando le Marche si sono classificate 13esime, 12 medaglie nel 2015 (Marche al 9° posto), 14 medaglie nel 2016 (11esime le Marche), 9 medaglie nel 2017 (marche all’8° posto).
Numerose e variegate le specialità nelle quali gareggeranno i ragazzi, dalle più popolari alle meno diffuse: arrampicata sportiva, ciclismo, ginnastica ritmica, bocce beach, badminton, baseball, atletica leggera, danza coreografica, golf, calcio, sport tradizionali, pallamano, hockey, judo, karate, lotta, nuoto e salvamento, pallanuoto, pallapugno, pallavolo, pesistica, nuoto/corsa, palla tamburello, rugby a 7, scherma, sport equestri, sport orientamento, skateboard, tennis, tiro con l’arco, tiro a volo, tennis tavolo, monta da lavoro, triathlon, vela, pugilato, scacchi.

A capo della rappresentativa il vicepresidente della Giunta regionale del Coni, Giovanni Torresi, che ha ricevuto la bandiera della Regione Marche dalle mani del presidente Ceriscioli e quella del Coni Marche dalle mani del presidente Luna. L’arrivo a Rimini è previsto intorno alle 15:30. Alle 18:30 la Cerimonia di apertura. Venerdì 21 settembre il via alle gare che termineranno sabato mattina, 22 settembre. Sempre sabato alle 21 la Cerimonia di chiusura e domenica 23 il ritorno ad Ancona.

Trofeo Coni: Marche oro nell’atletica e nel nuoto sincronizzato Lo show di chiusura

Lo show dei giovani atleti accende il Trofeo Coni

Giovanni Malagò ad Ancona per il Trofeo Coni: «Sport per sviluppo e rinascita dopo il sisma»

Print Friendly, PDF & Email
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page



X