facebook rss

Malore fatale in ufficio,
addio al magistrato Lanfranco Ferroni

E' MORTO A SAN MARINO, dove era stato nominato dirigente del palazzo di giustizia. Aveva 68 anni e viveva a Civitanova Alta, lascia tre figli. Era professore ordinario all'università di Urbino e aveva insegnato sia a Camerino che ad Ancona
Print Friendly, PDF & Email

Lanfranco Ferroni

 

E’ stato un dipendente a trovare il corpo, questa mattina presto. Lanfranco Ferroni, 68 anni, è morto nel suo ufficio a San Marino. Originario di Ascoli, viveva a Civitanova Alta e da marzo era stato nominato capo del Tribunale del piccolo Stato. Secondo i primi accertamenti, pare sia morto a causa di un malore, forse un infarto, che non gli ha lasciato scampo. Innumerevoli gli incarichi ricoperti sia a livello istituzionale che accademico: era professore ordinario di Istituzioni di diritto privato all’università di Urbino “Carlo Bo” e in precedenza aveva insegnato negli atenei di Salerno, Catanzaro ed Ancona. Era stato docente anche nella Scuola di specializzazione in diritto civile dell’Università di Camerino. Inoltre era giudice delle Appellazioni Civili al tribunale della Repubblica di San Marino, dove era anche direttore dell’Istituto giuridico sammarinese e direttore scientifico delle Scuole forensi dell’Ordine degli avvocati di Ancona e Pesaro. Ferroni lascia tre figli.

La Segreteria di Stato di San Marino ne ricorda «l’alto profilo, professionale e umano, e il costante attaccamento alla Repubblica» e sottolinea «l’alto spirito di servizio e la consueta disponibilità, uniti alle sue migliori qualità e capacità e, attonita, si stringe ai famigliari con sentimenti di cordoglio sincero e affettuoso». Anche i genitori e i ragazzi di Civitanova Nuoto e Nuoto Loreto si uniscono al dolore della famiglia. Il funerale ancora non è stato fissato.

(redazione CM)

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page



X