facebook rss

Mondiali di pallacanestro Down,
trionfa l’Italia di capitan Venuti:
la gioia dell’Anthropos Civitanova

L'ATLETA DI PUNTA della selezione azzurra, che in finale ha trascinato i compagni siglando 12 dei 22 punti che sono serviti per battere i padroni di casa del Portogallo, è tesserato con il sodalizio del presidente Piermattei: «E' l'ennesimo campione che veste i nostri colori»
Print Friendly, PDF & Email

 

 

Emanuele Venuti

 

Nella finale disputata ieri a Madeira, in Portogallo, la rappresentativa azzurra della Fisdir (Federazione Italiana Sport Paralimpici degli intellettivo relazionali), guidata dal Referente Tecnico nazionale Giuliano Bufacchi, ha sconfitto in finale i padroni di casa con il punteggio di 13-22. E’ la conferma dopo il successo negli Europei dello scorso anno. Nel sestetto azzurro figura anche il tesserato Anthropos Civitanova Emanuele Venuti, di Roma, capitano e principale realizzatore nella nostra selezione (12 dei 22 punti in Finale sono suoi). Emanuele, 34 anni, da molte stagioni gioca a pallacanestro. «Nello scorso febbraio abbiamo avviato questa nuova disciplina tra quelle praticate dal nostro sodalizio- si legge nella nota inviata dalla società di Civitanova – Ad oggi abbiamo sette praticanti di cui, ovviamente, Emanuele (Lele per gli amici) è la punta di diamante. In questo nuovo progetto siamo accompagnati, in sinergia, dalla Virtus Rossella Basket». La gioia del presidente dell’Anthropos Nelio Piermattei: «Lele è l’ennesimo campione che veste i nostri colori. Uno straordinario risultato che ci spinge a proseguire in questo nuovo progetto. La pallacanestro per ragazzi down è una disciplina veramente piacevole da vedere ed estremamente coinvolgente. Speriamo di essere pronti quanto prima per il nostro primo torneo ufficiale».

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page



X