facebook rss

La gara del M5S: le indennità dei consiglieri
ai progetti innovativi delle scuole

SCUOLA - Svelati i risultati dell'iniziativa #facciamoscuola. Nella provincia, sei strutture otterranno le risorse ricavate dal taglio degli stipendi dei consiglieri regionali. La decisione presa a colpi di click dai militanti del movimento. Jesi pigliatutto
Print Friendly, PDF & Email

Da sinistra: professore Spinozzi Luciano e dirigente scolastico Maria Luisa Bachetti dell’ “istituto Professionale di Stato per l’Enogastronomia e l’Ospitalità Alberghiera” Celso Ulpiani di Ascoli Piceno”; il docente della scuola vincitrice “Ist. Compr. Statale Anna Frank” di Montecalvo in Foglia Roberto Renzi; Piergiorgio Fabbri (m5S); Peppe Giorgini (M5S); Gianni Maggi (M5S);  dirigente Ist. Compr. Pagani di Monterubbiano Andreina Mircoli; Romina Pergolesi (M5S);  Corrado Marri, dirigente scolastico dell’Ist. Sup. Ipsia e Itis Marconi Pieralisi di Jesi; Luca Camilletti animatore digitale Ist. Comprens. Trillini di Osimo; vicario Ist. Compr. Pagani di Monterubbiano Claudio Fedeli 

Il Movimento 5 stelle mette in palio 100mila euro per le scuole e i fondi sono in arrivo per sei istituti della provincia, di cui quattro nel comune di Jesi. Le risorse derivano dell’iniziativa pentastellata #facciamoscuola, che ha visto insegnanti, studenti, genitori e dirigenti scolastici proporre progetti innovativi riguardanti diverse tematiche sulla piattaforma online Rousseau. Tutti gli iscritti M5s hanno poi votato quelli che ritenevano più meritevoli e dopo 1884 click, ne sono stati selezionati 11 dei 56 ritenuti idonei. A nove di essi andranno 10 mila euro, mentre a due ne spettano 5 mila, così da raggiungere la cifra di 100 mila euro, derivata dal taglio di stipendi ed indennità dei consiglieri regionali grillini.

Arrivato secondo per gradimento, dietro le Anna Frank di Montecalvo in Foglia, il progetto «Abbattiamo le barriere» della Leopardi di Osimo, che si pone l’obiettivo di rendere l’edificio scolastico accessibile a tutti, andando ad acquistare e montare dei montacarichi per arrivare ai piani superiori, data l’assenza di un ascensore. L’attenzione alla disabilità è stata posta anche al centro dei progetti dell’Itis Marcono e dell’Ipsia Pieralisi di Jesi, che porteranno alla realizzazione di rampe di accesso.

Sempre nella città di Federico II, altri due istituti riceveranno i finanziamenti: il Liceo Scientifico Leonardo Da Vinci, arrivato terzo in graduatoria con un progetto che punta a migliorare l’attuale impianto di riscaldamento attraverso l’installazione di valvole termostatiche, e il Liceo Classico Vittorio Emanuele II, per un nuovo laboratorio linguistico.

In ultimo, ma non ultimo, il progetto dell’Istituto comprensivo Quartieri Nuovi di Ancona, con la proposta di un’aula verde sia per la didattica curricolare, sia per l’organizzazione di incontri pomeridiani finalizzati al recupero di studenti con problematiche di apprendimento o economiche.

«Siamo orgogliosi di poter dare il nostro contributo alle scuole marchigiane e supportare la realizzazione di progetti ideati dai giovani studenti che hanno dimostrato grande sensibilità verso i temi dell’ambiente, delle fonti rinnovabili, dell’accessibilità per tutti e dell’innovazione», il commento corale del gruppo M5s in Consiglio regionale, composto dal capogruppo Gianni Maggi e dai consiglieri Romina Pergolesi, Piergiorgio Fabbri e Peppino Giorgini.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page



X