facebook rss

Conerobus, ancora atti vandalici
In arrivo nuovi mezzi per la linea
urbana a favore degli studenti

ANCONA - Non si placa la scia di vernice lasciata da alcuni writer sui bus dell'azienda coordinata da Muzio Papaveri. Colpiti i veicoli della linea extraurbana che si spinge fino alla Val Musone. Intanto, la società ha deciso di prendere provvedimenti dopo le segnalazioni di sovraffollamento su alcune corse inoltrare dai cittadini
Print Friendly, PDF & Email

Uno dei sedili imbrattati

 

Ancora atti vandalici sui mezzi Conerobus. Dopo gli episodi della settimana scorsa, sono stati presi di mira altri bus che collegano il capoluogo dorico con Recanati, passando per Osimo, Castelfidardo e Loreto. Gli imbrattamenti sembrano essere diventati una vera e propria emergenza a cui sta cercando di mettere mano la polizia. Gli agenti stanno già facendo fronte alla situazione con controlli sulle linee scelte come bersaglio. I controlli continueranno nei prossimi giorni. E nei prossimi giorni verranno anche potenziate alcune linee urbane per rispondere al sovraffollamento dei bus riscontrato nelle scorse settimane dai cittadini. “Gli agenti della questura di Ancona – commenta il presidente di Conerobus Muzio Papaveri – si stanno impegnando con verifiche mirate per mettere fine ad una situazione grave e riprovevole. Riguardo i disagi ancora presenti su alcune linee che servono le scuole di Ancona e provincia, segnalatici sia da alcuni utenti che dal nostro personale, stiamo effettuando attente e continue verifiche per trovare in tempi ultrarapidi la soluzione più adatta a rispondere alle effettive esigenze di mobilità degli studenti.Lo abbiamo fatto già dai primi giorni di scuola, intervenendo sulle prime criticità con il potenziamento del servizio e proseguiremo in questa direzione, apportando al più presto le modifiche necessarie”.

Il presidente Conerobus Muzio Papaveri

In seguito alle indicazioni del personale di controllo e alle segnalazioni dell’utenza, si sono registrare ancora situazioni di sovraffollamento lungo la tratta Agugliano – Ancona, dove si rileva un’anomala distribuzione dei carichi tra le corse attive, che l’azienda sta tenendo sotto stretto controllo per individuare la soluzione più adatta. Sorvegliate speciali, nell’extraurbano, anche le linee Jesi – Chiaravalle e Ancona – Offagna, quest’ultima peraltro già potenziata con la sostituzione del mezzo inizialmente impiegato con un altro più capiente. Quanto, invece, ai ritardi rilevati lungo la direttrice Chiaravalle – Falconara, in corrispondenza dell’orario di entrata al Liceo Cambi, l’azienda fa sapere che i disguidi sono causati dalla chiusura della superstrada e dal conseguente dirottamento del traffico sulla Flaminia. Nell’urbano, infine, sono stati riscontrati problemi di eccessiva affluenza sul 6, in partenza dalla stazione tra le 7.30 e le 7.52, e su altre corse in direzione centro e Università Politecnica delle Marche, dove il sovraffollamento è stato rilevato in corrispondenza dell’arrivo di alcuni treni di prima mattina. Per risolvere queste criticità Conerobus ha deciso di attivare corse supplementari. Collegamenti aggiuntivi verranno istituiti anche lungo la linea 46, sia la mattina che il pomeriggio, per far fronte alle esigenze dei tantissimi studenti universitari.

Ancora vandali sui mezzi Conerobus: colpiti altri quattro veicoli

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page



X