facebook rss

Raid dei ladri in casa e negozio
all’Aspio, poi la fuga con gioielli

ANCONA - Il doppio colpo consumato nel tardo pomeriggio di ieri. Dall'abitazione messa a soqquadro, è stato razziato l'oro. Al piano terra è stata invece visitata una parrucchieria da dove i banditi sono usciti a mani vuote. "Prima di entrate in casa ho chiamato i carabinieri, Avevo paura" racconta una delle vittime
domenica 21 Ottobre 2018 - Ore 11:58
Print Friendly, PDF & Email

Pomeriggio di furti, all’Aspio vecchio di Ancona. Prima dell’ora di cena, ieri i topi d’appartamento hanno fatto incursione in un appartamento che si trova subito dopo il ponte, nel piccolo centro commerciale che comprende anche una farmacia. Un raid, durato pochi minuti, ha toccato anche un negozio di parrucchieria al piano terra dell’immobile. Se il bottino è stato magro, sono stati ingenti i danni perché gli sconosciuti oltre a rovinare gli infissi hanno messo a soqquadro l’abitazione gettando a terra addirittura alcuni mobili alla ricerca di oro e denaro contante. “Il furto è avvenuto dalle 19.30 di ieri alle 20.25, ora del mio rientro.- racconta S.S,, 56anni, una delle vittime – Immagino dalle 19,30 in poi perché la parrucchiera che ha il negozio sotto casa mia è uscita alle 19,30. Dalla finestra sul retro del negozio, sono entrati anche da lei. Hanno messo tutto sotto sopra anche nel suo negozio ma non hanno portato via niente. A casa mia invece hanno preso quel poco di oro che avevo, scassinato il portoncino d’ingresso naturalmente rovesciato ogni cosa spostato i mobili dal muro. Immagino che fossero alla ricerca di una cassaforte. Prima di entrare in casa ho chiamato i carabinieri che sono intervenuti subito. Ho temuto che potesse esserci il rischio che i ladri fossero ancora dentro ed ho avuto paura”. Tra le tante ipotesi che sono serpeggiate tra i residenti della frazione, divisa tra i territori comunali di Ancona e Osimo, c’è anche quella che il furto, così mirato e puntuale, possa essere stato messo in atto da qualcuno che abita nella zona o che conosca bene i luoghi.

Print Friendly, PDF & Email
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page



X